Torino: ricostruita vagina a ragazza nata senza

Una ragazza torinese di 18 anni era nata senza vagina e istmo uterino, ma con il corpo dell’utero e le tube. Scientificamente parlando era affetta dalla rara sindrome di Rokintansky.

Grazie ad un’operazione, la prima al mondo, ora potrà avere figli.

Un’équipe di chirurghi le ha ricostruito la vagina servendosi di un tratto di intestino e l’ha collegata con il corpo dell’utero. L’intervento porta la firma di Dario Fontana, direttore della Divisione universitaria di urologia 2 dell’ospedale Molinette.

La diciottenne ora potrà essere libera da quei dolori atroci del periodo mestruale e potrà avere una vita sessuale normale.

Simona Leo