Hostess nude chiedono gli arretrati dello stipendio

Singolare iniziativa delle Hostess della compagnia aerea Air Comet, sulla quale è fortemente pesata la crisi economica mondiale. Fallita a Dicembre la stessa non avrebbe più pagato gli stipendi alle hostess.  Air Comet era stata messa in piedi dal presidente di confindustria in Spagna, Gerardo Diaz Ferran; il proposito era quello di ritagliarsi una fetta di mercato dei voli low cost, ma la tempistica è stata involontariamente la più errata possibile.

La crisi economica ha infatti pesantemente aggredito anche quel settore,e i debiti accumulati con la HSH Nordbank non hanno lasciato scampo alla sfortunata compagnia aerea.  Quest’ultima ha quindi sequestrato ben 9 aerei, spingendo verso il fallimento la Air Comet.

In un contesto così tragico l’iniziativa intrapresa dalle avvenenti signorine volanti strappa sicuramente più di un sorriso; l’iniziativa è quella di un calendario sexy. Le hostess si sono spogliate integralmente ed hanno creato un calendario, in vendita anche on-line al prezzo di 15 euro, questo a loro dire non per mettersi in mostra, cosa che però sicuramente è avvenuta, quanto per attirare l’attenzione del pubblico e dei media su un problema piuttosto grave.

Nessun ripensamento tra l’altro da parte delle sexy protagoniste: “Noi non ci vergogniamo, né crediamo che la nostra protesta sia sessista. Chi doveva vergognarsi è il signor Diaz Ferran, il giorno stesso in cui ha smesso di pagarci. Noi no. Noi vogliamo solo essere pagate”. Questo sembrerebbe in risposta ai commenti dello stesso Presidente di Air Comet, che aveva giudicato la vicenda come troppo sopra le righe.

Il problema comunque rimane, nel senso che ad oggi, gli stipendi dovuti non sembra siano stati pagati. Resta da capire a chi vadano i 15 euro del prezzo on-line del calendario, che, in ogni caso ha già venduto diverse migliaia di copie in Spagna. Se una parte fosse destinata alle stesse Hostess, come è probabile, sarebbe sicuramente un buon modo per recuperare parte dello “stipendio perduto”.

Per i più curiosi le foto delle avvenenti creditrici sono visibili a  questo link

A.S.