Cinema a Pasqua, dal futuristico ‘Gamer’ all’isola di D’Alatri ‘Sul mare’

Anche il fine settimana di Pasqua arriva con non poche offerte nelle sale cinematografiche, ma nessuna di esse sembra inserirsi nelle tematiche della festività. Mark Neveldine e Brian Taylor, dopo CrankCrank: High Voltage, tornano a lavorare in coppia per la regia del thriller adrenalinico ‘Gamer’, interpretato da Gerard Butler. La pellicola sviluppa una critica contro il mondo del reality game, dove realtà e finzione si alternano fino a veder assottigliato sempre di più il limite che le separa. Nel 2034 tutti conoscono ‘Slayers’, un gioco online attraverso cui è possibile comandare dei gladiatori in carne ed ossa che altro non sono se esseri umani condannati a morte che sperano di guadagnarsi la libertà vincendo 30 round. Il primo a vincere 29 round è Kable (Gerard Butler), che con il suo personaggio Simon (Logan Lerman) è all’apice della notorietà. Il protagonista si vedrà però sottrarre la propria famiglia e sarà dunque costretto a giocare contro la sua volontà, ma alla vigilia dell’ultimo round capisce che deve ribellarsi. ll duo Neveldine-Taylor con questo film vuole, in maniera forte, far intendere che gli scenari estremi della loro trama si stanno verificando già oggigiorno ad uno stadio ancora embrionale.

Dalla Francia arrivano poi due titoli dedicati all’infanzia, entrambi celebratori della letteratura per bambini. ‘Il piccolo Nicolas e i suoi genitori’ è il film di Laurent Tirard ispirato dai racconti umoristici di René Goscinny e illustrati da Jean-Jacques Sempé, che dagli Anni Sessanta divertono generazioni di francesi. La pellicola vede svilupparsi la storia del punto di vista del giovane Nicolas, che con la sensibilità e la tenera ingenuità di un bambino osserva quanto gli accade intorno. Dominique Monféry non resta a guardare e propone il suo ‘Nat e il segreto di Eleonora’ che, nell’era delle fantastiche animazioni in 3D, rivaluta invece il potenziale dell’acquarello. Il regista, di formazione disneyana, vanta collaborazioni con successi come HerculesTarzanLe Follie dell’Imperatore, Franklin e il Tesoro del Lago. Nat, dopo la morte di sua zia Eleonora, eredita una biblioteca piena zeppa di libri delle favole che sua zia gli raccontava; non sapendo ancora leggere il protagonista non sa che fare con questi libri, fino a quando una notte non scopre che i personaggi dei racconti escono dalle pagine e prendono vita.

Per quanto riguarda il cinema tutto italiano a portare nelle sale cinematografiche una pellicola nostrana ci pensa Alessandro D’Alatri con ‘Sul mare’. Il regista, dopo La febbre e Commediasexi, stavolta analizza il mondo di chi vive su un’isola, con tutte le sue ristrettezze e limiti geografici che solo d’estate si aprono grazie ad una ventata d’aria di “fuori”. Il film è una trasposizione dell’omonimo romanzo di Anna Pavignano e racconta la storia di Salvatore, barcaiolo d’estate e muratore d’inverno, ed Anna, studentessa del nord. La storia si rivela da subito più complessa, malgrado inizialmente si presenti solo come una spinta passionale consumata in una sola , e diventa una più profonda ricerca di equilibri stabili e duraturi in una vita sospesa fra terra e mare.

Andrea Camillo