Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Chiesa cattolica in calo di popolarità: gli americani non perdonano

Chiesa cattolica in calo di popolarità: gli americani non perdonano

Papa Benedetto XVI, al secolo Joseph Ratzinger

Non si prospetta una Pasqua tranquilla in Vaticano. Dopo i numerosi scandali di pedofilia che hanno visto coinvolti preti e sacerdoti la Chiesa cattolica perde sempre più popolarità, soprattutto tra i fedeli di oltreoceano. Dato non casuale, se si considera che i più grossi ed eclatanti casi usciti allo scoperto di recente sono avvenuti soprattutto negli Stati Uniti. Bersaglio prediletto delle ire americane è papa Benedetto XVI, accusato di aver insabbiato molti di questi casi, in difesa del buon nome del Vaticano.

Secondo un sondaggio dell’emittente americana Cbs solo il 27% dei cattolici Usa (contro il 40% dell’aprile 2006) ha un’ opinione positiva dell’operato dell’attuale pontefice, mentre cresce dall’1% all’11% il numero dei cattolici che ne ha un’opinione negativa. Il calo non riguarda solo il mondo cattolico: secondo lo stesso sondaggio il 24% degli americani di tutte le confessioni ha un’opinione negativa sull’operato del papa. Numero molto significativo, se si considera che nel 2006 la percentuale relativa allo stesso dato era del 4%. Relativamente allo scandalo pedofilia ben il 55% degli intervistati cattolici dichiara di non aver apprezzato il modo in cui Ratzinger ha gestito la situazione, mentre solo il 20% ritiene abbia fatto passi giusti.

Il calo è evidente ed è testimoniato dai numeri, sebbene si tratti di un semplice sondaggio condotto su un campione di 850 persone. Ma se da una parte c’è chi protesta, dall’altra c’è chi prende le difese del Vaticano. Il teologo Bruno Forte ritiene che sull’onda dei recenti scandali di pedofilia stia crescendo tra la popolazione mondiale un diffuso sentimento di “cristianofobia”.Il papa e la chiesa cattolica sono vittime di “pregiudizi” e “attacchi” ingiustificati e “strumentalizzati” anche quando affrontano coraggiosamente questioni come gli abusi su minori da alcuni suoi ministri.

Alcuni intellettuali francesi, inoltre, hanno firmati un documento di accusa contro gli abusi sui minori, ma in difesa del subissato Vaticano. Secondo quale logica sia sostenibile una posizione così contraddittoria, però, nel documento non è spiegato. Visti i risultati del sondaggio della Cbs sembra proprio che il Vaticano non navighi in buone acque: visto che è Pasqua forse sarà lecito per Ratzinger e soci sperare in una “resurrezione” mediatica.

Roberto Del Bove