Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Fmi: le previsioni sull’economia italiana, europea e mondiale

0
CONDIVIDI

Il 21 aprile prossimo, l’Fmi pubblicherà il World Economic Outlook (Weo) e secondo le anticipazioni fornite dall’Ansa, l’Italia sarà interessata da un taglio dello 0, 2% delle stime rispetto alle stime formulate in gennaio.

Secondo queste previsioni, il Pil italiano crescerà dello 0,8% per quanto riguarda il 2010 e dell’1,1% per il 2011. La disoccupazione continuerà a salire per tutto il 2010 toccando l’8,7%  per poi scendere all’8,6% nel 2011. L’inflazione, invece, salirà sia nel 2010 (1,4%) che nel 2011 (1,7%).

L’ Fmi teme che il caso della Grecia possa riproporsi in altri paesi europei se non verrà varato un serio piano di consolidamento economico. La ripresa economica europea sarà comunque diversificata e avverrà a rilento. Il possibile “contagio” dalla Grecia diventerà reale e l’instabilità finanziaria inevitabile se Atene non riuscirà a garantire un certa credibilità fiscale.

Nello specifico, l’Fmi stima che la Grecia sarà interessata da un calo del Pil del 2% per il 2010 e dell’1,1% per il2011. Nel documento del Fondo monetario internazionale si legge che sarà necessaria una riforma del sistema finanziario a livello europeo e che i «progressi nel porre rimedio alle inefficienze del settore finanziario e nel riformare le politiche prudenziali aumenteranno l’efficacia della politica monetaria e riduranno il rischio che un’ampia offerta di liquidità possa tradursi in nuove distorsioni speculative».

L’Fmi non ritiene però facile il processo di ripresa economica visto che le banche stanno continuando a ridurre i propri bilanci e che le piccole e medie imprese si troveranno nuovamente a scontrarsi con le limitazioni ai prestiti. Nonostante la crisi abbia avuto una dimensione mondiale, i paesi asiatici stanno dando i maggiori segnali di ripresa. Le previsioni sono state rispettate e superate con la sola eccezione del Giappone. In Cina la crescita del Pil, per il 2009, è stata superiore all’8% e probabilmente si attesterà sul 10% nel 2010 e 2011.  Per l’India, invece, il Fmi si aspetta  un  7,7% per quest’anno e un 7,8% per il prossimo.

Per il debito pubblico le previsione non sono positive. Dal documento dell’Fmi risulta evidente che, nelle economie avanzate, la crescita del debito pubblico sta diventando sempre più evidente.

Stefano Valigi