Home Cultura

la storia del cinema “Da Paisà a Salò e oltre”con De benedictis: il suo nuovo libro

CONDIVIDI

Entrare dentro l’immagine dei registi che hanno fatto grande il cinema italiano. È il tentativo di questo libro. Tanti elementi decidono l’immagine cinematografica: caratteri, manie, impellenze vitali; ma ce n’è uno di fondo che l’attraversa l’unicità degli esordi fino alla fine di una carriera. E’ questo valido tentativo quello di De Benedictis; un’ analisi che mette sotto la lente di ingrandimento l’immagine autoptica di Rossellini, quella antropologica di Visconti, quella amorosa di De Sica, la tecnica di Antonioni, simbolica di Fellini, in quella feticista di Pasolini. Accanto ai massimi autori d’immagini c’è il ritratto di un attore unico, Alberto Sordi, eseguito nell’incrociarsi della storia dell’arte – la branca che indaga la smorfia delle maschere e dei mascheroni – e del ramo delle neuroscienze che spiega l’istinto di imitare (e recitare), base della cultura e dell’arte. Eduardo De Filippo è inquadrato nella luce e nell’ombra dei suoi lavori multimediali di scrittore, attore, regista di teatro, cinema e tv.
La divisione delle sue opere in commedie dei “giorni pari” e dei “giorni dispari”, ovvero del passato e del presente, appartiene a una scansione essenziale che incrocia tutti i nostri autori. E il passaggio da un paese antico, ancora segnato dai valori della terra, a un paese industrialmente sviluppato. Si va dall’immediato secondo dopoguerra del Novecento, marcato dal rosselliniano Paisà (1946), fino alla favola crudele del pasoliniano Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), che prevede anche il futuro, cioè – nello spettacolo e nella vita – la spinosa attualità.
Gianni Maritati, giornalista di “Prime” rubrica culturale del tg1, commenta
Dal 1946 (l’anno di “Paisà”) al 1975 (quello di “Salò”),

ripercorriamo una stagione irripetibile che ha

affidato al cinema la memoria di un’Italia

profondamente cambiata, le emozioni e le

esperienze di una società che s’interroga su se

stessa.

Ilaria Salzano