Home Notizie di Calcio e Calciatori

Premier League: nel big match Manchester- Chelsea la spunta Ancelotti

CONDIVIDI

Nel teatro dei sogni, l’ Old Trafford di Manchester, uno degli stadi più belli del mondo, il Chelsea di Carlo Ancelotti batte i Red Devils per  2-1 nella super sfida pre- pasquale di Premier League e scavalca Sir Alex Ferguson in testa alla classifica.
Il rammarico più grande perla squadra di Manchester è quello probabilmente di aver affrontato la partita più importante della stagione senza il suo uomo simbolo, Wayne Rooney, costretto a saltare anche la sfida di ritorno di Champions League con il Bayern di Monaco per infortunio .

La partita è stata bella ma influenzata dai molti infortunati e dalle stanchezze accumulate da entrambe le squadre nel lungo cammino percorso fino ad ora.

Nella prima frazione i Blues concedono pochissimo ai diavoli di Manchester, costretti ad un gioco troppo lineare e prevedibile, facile preda della difesa londinese. Anche se Ferguson, può reclamare e non poco per un rigore netto negato alla sua squadra per fallo di Zhirkov su Park. Il Chelsea, dal canto suo, non fa molto meglio ma al primo affondo degno di nota passa: scatto sull’out di sinistra di Malouda (stagione fantastica la sua) e cross  basso dove si avventa Joe Cole che, con uno strabiliante colpo di tacco ad incrociare mette la palla sotto le gambe del suo diretto avversario Evra, con Van der Sar immobile. Uno a zero Chelsea e squadre negli spogliatoi.

Nella ripresa, lo spettacolo non cambia e il gioco non assiste i Red Devils che, ci provano aumentando pressing e intensità di manovra, ma l’unica vera occasione la costruisce Berbatov, che sfiora il palo dopo un colpo di testa ben indirizzato. Poco dopo, Ancelotti, il quale conferma il suo feeling con Old Trafford, lo stadio che l’ha visto trionfare ai rigori nella finale di Champions League tutta italiana contro la Juventus nel 2003, azzecca il cambio e sostituisce uno spento Anelka con Didier Drogba. Sarà proprio lui, infatti, a regalare il raddoppio ai Blues grazie all’altro ivoriano Kalou mettendo in cassaforte la pratica.

Per il Manchester,  sussulto finale firmato Chico Macheda (gol un po’casuale), ma il risultato non cambierà più. Vittoria quindi per un ritrovato Chelsea che oltre a ritrovare l’amore dei suoi tifosi dopo la prematura eliminazione in Champions League con l’Inter, ritrova anche la testa della Premier League candidandosi in maniera determinante alla vittoria finale.  

Manchester United (4-5-1): Van der Sar; G.Neville, Ferdinand, Vidic, Evra; Valencia, Fletcher (41′ st Gibson), Giggs, Scholes (27′ st Nani), Park (27′ st Macheda); Berbatov. A disp.: Kuszczak, De Laet, Rafael, Carrick. All.: Ferguson

Chelsea (4-5-1): Cech; Paulo Ferreira, Alex, Terry, Zhirkov; J.Cole (28′ st Kalou), Deco (36′ st Ballack), Lampard, Obi Mikel, Malouda; Anelka (25′ st Drogba). A disp.: Turnbull, Belletti, Bruma, Sturridge. All.: Ancelotti

Arbitro: Dean

Marcatori: 19′ J.Cole (C); 34′ st Drogba (C); 36′ st Macheda (MU)

Ammoniti: Scholes (MU), Neville (MU) , J.Cole (C), Deco (C)

Paolo Piccinini