Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Salvataggio per Fastweb e Telecom Sparkle

CONDIVIDI

Alla fine Fastweb e Telecom Sparkle ce l’hanno fatta. Evitato il commissariamento delle due società da parte dei Pm romani. Decisive alcune manovre e prese di posizione, in particolare il passo indietro compiuto dall’ amministratore delegato di Fastweb Stefano Parisi. L’ ad si è infatti autosospeso dalla carica proprio per alleggerire la posizione della società, in attesa degli sviluppi, e le sue mansioni sono passate a Carsten Schotler, presidente di Fastweb e legato a Swisscom. Parisi ha poi spiegato la sua posizione ai dipendenti dell’azienda in una lunga lettera, in cui declina ogni responsabilità e specifica che unica ragione della sua scelta è proprio di evitare il commissariamento dell’azienda. Oltre a Parisi si sono autosospesi altri manager della società, tra cui Alberto Calcagno, e sono state depositate diverse garanzie fideiussorie.

Per quanto riguarda la posizione di Telecom Sparkle, invece, non vi è stato bisogno di alcuna revisione nei quadri amministrativi. Tuttavia l’accordo raggiunto con il Gip Aldo Morgigni prevede anche in questo caso il deposito di due fideiussioni, per un totale di 200 milioni, a garanzia rispettivamente del presunto profitto derivante dall’ eventuale frode e dell’evasione dell’Iva.

L’inchiesta, ricordiamo, riguarda ipotesi di riciclaggio e di “frodi carosello”, con aumenti fittizzi di capitale e crediti per un utile che si aggirerebbe attorno ai 96 milioni. Risultato erano state 52 richieste di custodia cautelare e 4 di arresti domiciliari. Adesso una notizia apparentemente positiva, ma che non cancella l’impatto sui conti dei due gruppi.

Alberto Martinelli