Home Spettacolo Cinema

Tarantino e il cervello umano

CONDIVIDI

Uscito a mani vuote dai recenti Academy Awards, Quentin Tarantino può finalmente consolarsi: “Bastardi senza Gloria” è il film più stimolante attualmente in circolazione. A dirlo non è una giuria di esperti cinefili bensi la scienza, per l’esattezza la Mind Sign di San Diego, centro specializzato nell’analizzare le reazioni del cervello umano durante la visione di una pellicola cinematografica. La rivista americana Wired, sulla base dei dati ottenuti a San Diego, ha stilato la top ten dei film più coinvolgenti per la mente dello spettatore. Non sono mancate le sorprese.

Come anticipato, il primo posto è occupato dall’ultimo capolavoro del regista americano, quel “Bastardi senza Gloria” che rappresenta l’apice del genio tarantiniano. Osservando il comportamento del cervello umano durante la visione del film, gli scienziati hanno notato un numero impressionante di zone celebrali altamente stimolate. Prova inequivocabile di come il lavoro di Tarantino riesca a coinvolgere totalmente lo spettatore. Le straordinarie tecniche di regia, il montaggio sopraffino, la perfezione della fotografia, l’accuratezza della sceneggiatura, le inconfondibili melodie che non sono riuscite a convincere i membri degli Academy Awards, hanno decisamente impressionato il nostro cervello.

Preseguendo nella classifica troviamo al secondo posto il celebre “Fast and furious” seguito dall’ultimo “Star Trek“. Il kolossal computerizzato “Avatar” di James Cameron non è andato oltre il sesto gradino, mentre all’ottavo posto si è piazzato “Alice In Wonderland” film di Tim Burton che, nonostante la terza dimensione messa a dispozione degli spettatori tramite appositi occhialini, non è riuscito a stimolarne l’encefalo. Segno di un mezzo fiasco o del rigetto per la visione 3d? Chiedetelo al vostro cervello.

Di Marcello Accanto