Home Anticipazioni

Niente medicinali: “sei morto”

CONDIVIDI

Mario Pelucchi, cittadino di Bergamo, ieri ha trascorso una giornata davvero singolare. Dopo essere stato messo in mobilità al lavoro, per la burocrazia sanitaria era un “uomo morto”.

Alla moglie, recatosi in farmacia, le vengono negate le medicine per il marito, che secondo i documenti  era deceduto e quindi aveva perso il diritto all’acquisto dei farmaci salvavita.

Un equivoco che fortunatamente non ha avuto conseguenze. L’uomo, dopo aver scoperto di “essere morto”, si è recato alla Asl: a morire era stato un suo omonimo. In poco tempo all’errore è stato posto rimedio e Mario Pelucchi è “resuscitato”.

Simona Leo