Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Scuola: 26mila insegnanti saranno licenziati

CONDIVIDI

Sarà una Pasqua amara, quella di oggi, per gli oltre 26mila insegnanti delle scuole primarie e secondarie che dal prossimo anno non potranno più svolgere regolarmente la loro professione; nel primo incontro post-elettorale con le rappresentanze sindacali, infatti, il ministero dell’Istruzione ha comunicato la sua intenzione di lasciare a casa, per l’anno scolastico 2010-2011, 26.150 insegnanti a partire dal prossimo settembre: 8700 nella scuola primaria, 3700 nella scuola media e 13750 nelle scuole superiori.
Licenziamenti che vanno a sommarsi ai già annunciati tagli all’organico del personale ATA (circa 15mila lavoratori senza più stipendio) per un taglio complessivo di oltre 40mila posti di lavoro, un maxi-licenziamento che non ha alcun precedente storico.

Le prime vittime delle decisioni del ministero di Trastevere, naturalmente, saranno i docenti non di ruolo che per anni hanno garantito il corretto svolgimento dell’anno scolastico firmando contratti di lavoro di un anno, rinnovati poi a settembre dell’anno successivo, avendo così gli stessi oneri di un qualunque insegnante di ruolo e al tempo stesso molti meno diritti di quelli, già preoccupantemente erosi, dei loro colleghi.
Già a settembre, d’altronde, si era manifestato con chiarezza l’attacco del Governo ai lavoratori della scuola pubblica, quando oltre 20mila insegnanti precari erano scesi in piazza a Roma per denunciare i drammatici taglia prospettati dalla politica del ministro Gelmini.

Come già per i tagli del tanto contestato decreto 133 dell’estate 2008, inoltre, i licenziamenti, che di per sé molti giudicano evitabili, avverranno senza alcun principio di meritocrazia o di salvaguardia del funzionamento delle strutture dell’istruzione pubblica, ma con l’unico intento di recuperare dalla scuola e dagli investimenti per il futuro del Paese i soldi necessari alla sopravvivenza di un sistema socio economico fallimentare responsabile del corto circuito che ha condotto allo stato attuale di crisi. Non interessa nemmeno più, quindi, mascherare lo smantellamento della scuola pubblica dietro la falsa retorica della “scuola migliore”; non c’è più nemmeno la vergogna di operare apertamente secondo il principio di “meno scuola per tutti”.

La Flc-Cgil Scuola fa sapere attraverso un comunicato che il prossimo 8 aprile si terrà un nuovo incontro dei rappresentanti sindacali con il ministro, mentre i Cobas Scuola annunciano, per i due mesi a venire, la costruzione di un movimento di opposizione che culmini, a giugno, in uno “sciopero degli scrutini”.

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram