Home Spettacolo

Uomini e Donne anticipazioni: nuovi interessi per Samuele

CONDIVIDI

Il trono più improbabile e inaspettato dell’anno si sta dimostrando particolarmente gradito al pubblico, sempre più divertito e incuriosito dalle vicende di Samuele Mecucci, l’esuberante romano che ha rapito tutti con le sue esilaranti battute.

Partito più come un trono comico piuttosto che come un reale teatro di vicende sentimentali, il trono di Samuele sta iniziando a costruire le sue basi per un’esperienza positiva anche dal punto di vista amoroso: il buffo tronista, difatti, sta iniziando a legare parecchio con alcune sue corteggiatrici, specialmente a livello fisico.

Nella prossima puntata ci verrano mostrate le esterne con Janine e Monica, due corteggiatrici dalla non indifferente presenza fisica. Non a caso, nel corso dell’esterna con Janine, Samuele non esiterà a buttare l’occhio sul prorompente decolletè della ragazza, con tanto di battutine piccanti sulla sua “abbondanza”. Per quanto riguarda Monica, i due sono stati ad una fiera, hanno avuto modo di chiacchierare e conoscersi più approfonditamente. La corteggiatrice è rimasta parecchio colpita dalla personalità di Samuele, al punto da dichiarare di essersi trovata molto bene con lui. Inoltre, in studio ha aggiunto che, se dovesse scegliere tra i due Samuele, avrebbe serie difficoltà: per l’aspetto fisico preferisce Samuele uno, ma per l’aspetto caratteriale è Samuele due ad avere la meglio. Un mix tra i due sarebbe la soluzione migliore, ha affermato. Ben detto. Per una buona volta a Uomini e Donne si inizia a parlare di un argomento finora sconosciuto: la personalità. Se il trono di Samuele dovesse servire a far comprendere che in un rapporto non contano solo i pettorali, il bel faccino e il torso depilato, ben venga la sua esperienza a Uomini e Donne. Speriamo si concluda nel modo più positivo, e che le parole delle corteggiatrici non siano solo volte a prolungare la propria presenza all’interno del programma, in vista di serate e copertine. Anche se è difficile, speriamo nella loro buona fede. O almeno, proviamoci.

Mariasole Bergamasco