Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Allarme incendio a casa Blair: quattro mezzi si precipitano in soccorso, ma erano solo i toast bruciati

CONDIVIDI

LONDRA – Sabato mattina i pompieri di Londra hanno ricevuto una chiamata d’emergenza particolare. Pare che fosse scoppiato un incendio nella casa di campagna dell’ex premier Tony Blair. Ma in realtà si trattava di un falso allarme. La moglie di Blair, Cherie, aveva fatto scaldare troppo i toast preparati per la colazione facendo scattare l’allarme collegato alla caserma dei vigili del fuoco e sensibile al fumo.

Una giornata difficile per il famoso politico inglese. La colazione incenerita per una banale disattenzione e i pompieri che hanno fatto irruzione nell’abitato pronti a trasportarlo fuori e a combattere le fiamme nemiche. Un imbarazzante equivoco che ha fatto ironicamente sorridere gran parte della popolazione britannica alle edizioni dei telegiornali mattutini.

Blair ha raccontato di non essere riuscito a chiamare in tempo la stessa caserma per avvertire del falso allarme provocato al tostapane. Ha tentato di mettersi in contatto dopo aver constatato il lieve danno all’elettrodomestico casalingo ma la solerzia dei vigili del fuoco londinesi è stata maggiore. L’intera famiglia si è congratulata con la squadra complimentandosi per la celerità dei soccorsi.

L’episodio ha avuto luogo nella casa di campagna dei Blair, a Wotton Underwood. Una vecchia dimora originaria del diciassettesimo secolo, dichiarata monumento storico. Una villa signorile e elegante alla quale Tony è sempre stato molto affezionato. Da alcune fonti mediatiche, all’arrivo dei vigili del fuoco “erano tutti piuttosto imbarazzati”: parole del portavoce di Blair che non ha aggiunto nessun altro particolare. Pare che ben quattro mezzi si siano precipitati per domare l’incendio e che non hanno ricevuto per il disturbo neanche una colazione decente.

Un piccolo incidente che ha movimentato la vigilia pasquale di Tony Blair ancora impegnato nel suo ruolo di portavoce europeo per la questione israeliana e palestinese. Un impegno che non sembra portare a grandi risultati e che ha causato severe critiche verso lo stesso Blair. Un periodo difficile per l’ex premier. Anche dal punto di vista casalingo.

Alessandro Frau