Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Repubblica democratica del Congo, l’Onu perde un uomo

CONDIVIDI

Risolto il dubbio sulla pacificazione della Repubblica democratica del Congo. Un militare ghanese del contingente Onu della missione Monuc, è rimasto ucciso in un combattimento fra l’esercito regolare del Congo e uomini armati che tentavano di assalire l’aeroporto di Mbandaka, dove i caschi blu hanno una loro base.

Dalle 10 di domenica, gli scontri a fuoco si susseguono e hanno reso Mbandaka, una città fantasma, vuota con negozi chiusi e nessuno in giro. Le forze regolari congolesi, con l’aiuto delle forze della Monuc, sono riuscite a riconquistare l’aeroporto, ma la situazione rimane tesa.

Monuc è sul territorio dal 1999, con il mandato di far rispettare il cessate il fuoco derivato dagli accordi di Lusaka e la fine della prima guerra mondiale africana. In questa feroce tensione, le forze Tutsi, appoggiate da Ruanda e Uganda, trovarono la forza di contrastare il nuovo corso instaurato da Laurent-Desire Kabila, il quale dopo molte promesse di pacificazione instaurò dopo Mobuto, una nuova dittatura. Sostenuto da Zimbabwe, Angola e Namibia, Kabila riuscì a mantenere il controllo solo nella parte ovest del paese. Questa guerrà rivelò la fragilità di uno Stato, terra di nessuno e preda per questo degli interessi degli Stati vicini, i quali nonostante la pace forzata non smisero di alimentare gruppi per bilanciare i loro interessi di sfruttamento delle ricchezze naturali congolesi.

Il dispiegamento del contingente con le sue 5.537 unità, non impedì il rafforzamento delle forze d’insurrezione, come MLC di Jean-Pier Bemba, fino all’assassinio nel 2001 dello stesso Kabila.

La presa del potere da parte del figlio e il suo tentativo di emanare una nuova costituzione, portò l’Onu a sostenere la sua posizione, rinnovando il mandato Monuc, nel 2004, per contribuire al rafforzamento delle istituzioni. Il mandato Monuc si arricchì di nuovi compiti, maggiormente adeguati al nuovo scenario. I più delicati riguardano ancora il ritorno dei rifugiati, l’assistenza, la promozione e la protezione dei diritti umani e la contribuzione al disarmo delle forze non regolari. Nel 2008, Monuc ha anche vigilato sull’esito delle elezioni e oggi è arrivata a un dispiegamento di 18.645 militari sul territorio, per un contributo di diversi paesi.

di Fabiana Galassi