Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Sbarca in Italia il cinema a 5 stelle: Champagne, autista in livrea e altre comodità extralusso

0
CONDIVIDI

In Italia stanno per sbarcare i cinema a cinque stelle. Esattamente come per gli hotel saranno uno svago per pochi. Un passatempo costoso ma ricco di soddisfazioni per chi viaggia con il portafogli gonfio di contanti. In questo cinema non si ordinano i pop corn o i nachos ma si serve champagne e si degusta caviale.

Molteplici sono i privilegi concessi. Non si fa la fila dato che la prenotazione è da attuare con molto anticipo. Non si rischia di trovare dei posti scomodi, troppo vicini o laterali rispetto allo schermo. Queste sale per ricchi comprendono da venti a massimo quaranta posti e le poltrone sono reclinabili e regolabili oltre che comodissime e dotate di cuscini e altri agi.

Si tratta di una realtà già ben presente a livello internazionale. Nata in Australia circa un decennio fa si sta diffondendo ora negli Stati Uniti e in Europa. Nei prossimi mesi verranno aperte altre trenta sale con queste caratteristiche negli USA. Nel vecchio continente le troviamo già in Gran Bretagna e Germania ma se ne parla anche per un eventuale sbarco in territorio italiano.

Un vero e proprio Business. Famosa è per esempio la catena Village Roadshow ideata dall’australiano Graham Burke che punta su alcuni particolari innovativi: il valletto in livrea che parcheggia l’auto, i camerieri che accolgono gli spettatori con un aperitivo, il menù a cinque stelle per la cena post proiezione.

Ecco alcuni costi: 50 dollari per una bottiglia di spumante, 14 per gli anelli di seppia al forno, 19 per un toast di carne e 29 per il biglietto d’ingresso. Il tutto corredato da sontuose mance da rilanciare ai vari addetti e le consumazioni da effettuare durante la visione. Una rivoluzione che trasforma il modo della fruizione cinematografica. Resta solo da attendere per vedere se anche in Italia si registreranno le stesse trionfali ed entusiastiche prenotazioni per una serata di questo tipo. Alla faccia della crisi e dei portafogli vuoti.

Alessandro Frau