Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Tragedia a Lucca: madre uccide figlio, poi si spara

CONDIVIDI

Una Pasqua da dimenticare quella appena trascorsa a Lucca dove una donna di 62 anni, Paola Solani, ha ieri compiuto un gesto estremo che ha causato la sua morte e quella del figlio Angelo.

La donna era affetta da tempo da una malattia dell’apparato digerente che le procurava continui malesseri e per questo avrebbe deciso di farla finita, coinvolgendo nel suo disperato disegno anche il figlio 39enne che, dopo un periodo di permanenza all’estero per motivi di lavoro, aveva fatto ritorno nella casa paterna.

Il marito della donna, Giuseppe Marchi, un ex geometra cardiopatico, si era ieri momentaneamente allontanato dalla sua abitazione per acquistare un farmaco. Durante la sua assenza la donna avrebbe messo in atto l’omicidio-suicidio rivolgendo contro il figlio e contro se stessa una calibro 38 regolarmente detenuta dal marito.

Prima di compiere l’estremo gesto però la donna avrebbe vergato due lettere: una indirizzata al marito, in cui spiegava il motivo del suo irrimediabile gesto, e l’altra alle forze dell’ordine nella quale denunciava la propria responsabilità e invitava i carabinieri a non avviare indagini su altre persone.

Un terzo biglietto, con l’allarmante scritta “Non entrare” è stato invece trovato ieri dal marito, di ritorno dalle sue commissioni, sull’uscio di casa. Non riuscendo ad aprire la porta, l’ex geometra di Lucca ha quindi allertato il 113 che è tempestivamente intervenuto, permettendo l’irruzione nella casa. I due cadaveri sono stati rinvenuti nella stanza da letto del figlio Angelo.

Secondo indiscrezioni trapelate nell’ultima ora, il disperato gesto compiuto da Paola Solani sarebbe stato causato anche dalla recente scoperta (non ancora comunicata al marito cardiopatico) di una malattia degenerativa diagnosticata al figlio 39enne. La preoccupazione per una patologia che avrebbe potuto in breve tempo compromettere lo stile di vita di Angelo, congiuntamente a quelle legate anche alla malattia del marito, avrebbe spinto la sofferente 62enne di Lucca a  premere più volte il grilletto verso il corpo del figlio per poi procurarsi a sua volta la morte. L’autopsia sui due cadaveri verrà effettuata mercoledì prossimo.

Maria Saporito