Home Cultura

Aldo Busi, le ultime parole famose:”Questa Rai non mi merita”

CONDIVIDI

In un’intervista a Diva e Donna in edicola da domani, Aldo Busi torna all’attacco riprendendo i discorsi contro il Papa (da lui tacciato di omosessualità) che lo hanno fatto radiare dalla Rai, e rincara la dose in questo modo: “Mi hanno detto che ho offeso il papa (lo pretende scritto minuscolo nei suoi virgolettati, ndr). Se avessi saputo solo un decimo di quello che stava succedendo in tante parrocchie inquisite in Europa e negli Stati Uniti e quasi per niente in Italia (ma per poco), avrei detto: è impossibile offenderlo, oggi come oggi il papa si offende già da solo benissimo.”
A questo Busi ha aggiunto di voler ricordare un aneddoto della sua esperienza personale già citato nel suo romanzo breve  “La signorina Gentilin dell’omonima cartoleria“: quando frequentava ancora la scuola elementare denunciò in un tema “il primo dei tre preti  pedofili avuti a Montichiari tra gli anni ’50 e gli ’80”. Allora il tema venne presentato ai carabinieri che si presentarono a casa sua, e l’unico risultato per il futuro scrittore furono un sacco di botte da parte di suo padre. Oggi come allora, per il momento non sembra che le denunce mosse alla Chiesa abbiano ottenuto grandi trasformazioni e interesse, visto che lo scandalo dei “preti pedofili” si sarebbe comunque creato e forse senza avere comunque le conseguenze auspicabili.

Aldo Busi si appresta poi a creare nuove polemiche dichiarando di non essersi recato a votare per le regionali trovando deludenti i candidati e soprattutto i programmi da questi sostenuti. Ma naturalmente ciò che porterà più scalpore sono le dichiarazioni in merito all’atteso ritorno in Rai per cui Simona Ventura sembra che si stia adoperando: “Il 31 marzo ho mandato un sms alla signora dicendole di non lottare troppo per me e che questa Rai non mi merita”. Fra i progetti dello scrittore bresciano, un auspicato ritorno alla rubrica tv “Amici Librì”, affidatagli in passato da Maria De Filippi.