Home Notizie di Calcio e Calciatori

Morabito: “Inter superiore a tutti”

CONDIVIDI

Tuttomercatoweb ha intervistato uno dei più grandi procuratori, Vincenzo Morabito.

Come vede la lotta scudetto?
“L’Inter è superiore a tutti come rosa e come struttura rispetto sia alla Roma che al Milan. I nerazzurri hanno però il doppio impegno, campionato e Champions League, inoltre mi sembra che da parte del palazzo e dell’opinione generale un’antipatia sfrenata nei confronti di Mourinho e questo ricade sulla squadra. Ci sono stati episodi che hanno destato stupore, l’Inter dovrà faticare perché le avversarie si impegneranno e bisognerà vedere se il campionato sarà regolare, cioé se le squadre che sono a posto con la classifica faranno il loro dovere fino alla fine. Credo che sulla carta, i nerazzurri, come rosa, abbiano una struttura superiore alle altre”.

L’antagonista principale dell’Inter sembra la Roma. Secondo lei, nel prossimo mercato come agirà il club giallorosso?
“La Roma sappiamo che non ha grosse risorse da impiegare sul mercato. E’ ovvio che l’eventuale qualificazione diretta alla Champions darebbe qualche fondo in più. Negli ultimi mercati la Roma è stata alla finestra e paradossalmente il calciomercato lo ha fatto grazie all’Inter, penso a Burdisso che credo abbia esagerato con l’ingratitudine verso la società di Moratti”

Il Milan quest’anno si è avvicinato allo scudetto ma nel momento del salto di qualità è inciampato rallentando la corsa. Nella prossima sessione di mercato occorrerà ringiovanire la rosa?
“Il Milan ha una rosa limitata e ha perso giocatori importanti nel corso del campionato come Nesta, mentre la Roma può contare su una rosa superiore rispetto ai rossoneri e con qualche giocatore meno anziano. Il club rossonero forse pensava di poter essere competitivo fin dall’inizio, poi ha avuto una fase negativa e ha dovuto fare la rincorsa. Reputo ocmunque positivo il campionato della squadra di Leonardo. Penso che i rossoneri abbiano bisogno di migliorare la rosa, il problema è che non penso che Berlusconi sia disposto ad investire più di tanto. L’anno scorso c’è stata la vendita di Kakà e quest’anno si vede che si sta fossilizzando su obiettivi di mercato a parametro zero e penso che le risorse limitate costringeranno il Milan ad essere inventivo. Non vedo i rossoneri che si presentano e spendono milioni di euro senza costrutto. La società ha cambiato strategia”.

Alla Juventus invece, secondo lei, c’è bisogno di rifondare tutto come viene chiesto da più parti?
“Quello che è successo alla Juve è clamoroso. Hanno investito tanto e hanno portato a casa poco. Da parte della Juve credo che occorrerà rinforzare difesa e centrocampo ma bisognerà vedere che fine faranno i giocatori che sono costati tanto”.

Prandelli – Fiorentina: è finito un ciclo?
“Sembra di si. Stando però a quello che ha dichiarato Prandelli sembra che l’avventura possa continuare. Bisognerà vedere anche se la presa di posizione di Della Valle è stata solo una provocazione oppure se sarà vero occorrerà vedere chi prenderà il loro posto. Sarebbe un peccato perché loro hanno fatto tanto per la Fiorentina e sarebbe una perdita grave. Sappiamo che ci sono dei dissidi all’interno per quanto riguarda l’allenatore e sia all’esterno in merito al Comune di Firenze per il discorso della Cittadella e del nuovo stadio. Tutto dipenderà da questo. Prandelli potrebbe rimanere perché ha un contratto fino al 2011 e a questo punto, se rimarrà, la Juventus dovrebbe puntare su un altro allenatore che potrebbe essere,per fare due nomi, Allegri o Laurent Blanc”

Chi sta seguendo le orme della Fiorentina degli anni precedenti è il Palermo di Delio Rossi. Può fare lo stesso percorso dei viola?
“Il Palermo ha tutte le carte in regola. E’ una piazza importante, c’è una società importante e un grandissimo allenatore, serio che parla poco e sa gestire bene il gruppo e soprattutto fa giocare bene le squadre. Quello che ha fatto con la Lazio con i pochi mezzi a disposizione è stato miracoloso. Ha fatto male Lotito a farselo sfuggire, mentre ha fatto benissimo Zamparini a portarlo in rosanero”.

A Napoli i tifosi sognano una squadra ancora più competitiva. Di cosa hanno bisogno i partenopei per compiere il definitivo salto di qualità?
“De Laurentiis sta lavorando benissimo e ha preso un allenatore preparato e di carattere, che sta facendo bene. E’ chiaro che l’organico va rinforzato su alcuni posizioni chiave e non può prescindere dalla conferma dei pezzi pregiati. Credo che il Napoli stia lavorando su un grande centravanti, potrebbe essere Pazzini della Sampdoria”.

Fonte: Tuttomercatoweb.com

Pasquale Della Valle