Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Prezzo dei carburanti, Federconsumatori ed Adusbef: “introdurre accisa mobile”

CONDIVIDI

I numerosi rincari dei carburanti che si susseguono nell’arco di un anno, fra costi diretti ed indiretti, pesano parecchio nell’economia dei cittadini italiani, 210 euro annui circa.

Secondo quanto riferito da Federconsumatori ed Adusbef “occorre non solo intervenire sul versante speculativo (doppia velocità dei prezzi) e su quello della distribuzione (razionalizzazione ed apertura alla grande distribuzione) ma, soprattutto, procedere ad una sterilizzazione degli aumenti IVA con la realizzazione dell’accisa mobile, in modo da compensare tali aumenti e per rendere, così, almeno stabile la tassazione sui carburanti”.

Sempre in riferimento a ciò che è stato sostenuto dalle due associazioni “ciò è possibile anche in base alle norme vigenti. Si tratta – si legge in una nota di Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef – di prendere le decisioni conseguenti poiché è improponibile che in mancanza di ciò l’Erario aumenti i propri guadagni, quando aumentano i prezzi”. “Vogliamo ricordare – aggiungono – che ogni centesimo al litro in più per i carburanti consistono in 15 mln per la benzina e 25 mln per il gasolio che qualcuno incassa in più al mese. E dato che nel periodo compreso fra marzo ed aprile – concludono – la variazione avvenuta è di circa 10 centesimi al litro, le quantità economiche messe in gioco sono state pari a 150 mln per la benzina e 250 mln per il gasolio, per un totale di 400 mln di euro di cui 80 mln per maggiori tasse entrate nell’Erario”.

Mauro Sedda