Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Sardegna, un milione e mezzo di euro per la campagna di educazione alimentare nelle scuole

CONDIVIDI

La Giunta regionale sarda ha deciso, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Andrea Prato, di stanziare un milione e mezzo di euro per l’attuazione della campagna di educazione alimentare dei prodotti lattiero-caseari nelle scuole dell’Isola. Lo scopo è quello di educare le giovani generazioni al consumo di prodotti locali e, nello specifico, dei formaggi con il marchio Dop (Pecorino romano, Pecorino sardo e Fiore sardo). La campagna, che verrà portata avanti nel corso di questo anno scolastico e del prossimo, si svilupperà attraverso laboratori sensoriali, visite guidate, concorsi a premio e degustazioni. Gli obiettivi principali saranno, dunque, quelli di far conoscere agli studenti l’ambiente rurale e fornire informazioni al riguardo.

“L’innovazione di un comparto che costituisce uno dei settori strategici della nostra economia corre necessariamente sui binari delle nostre tradizioni – sottolinea Ugo Cappellacci, governatore della Regione Sardegna – e questo provvedimento si inquadra nella politica della Giunta che vuole tutelare e promuovere il nostro patrimonio agro-alimentare”.

L’assessore Prato sostiene che “per rilanciare il settore agricolo sardo e quello lattiero-caseario è indispensabile che già a scuola si insegni agli studenti l’importanza di utilizzare le produzioni isolane, a partire dai nostri formaggi. E’ questa – aggiunge – una priorità che, oltre a riguardare la salute dei nostri ragazzi, pone al centro dell’attenzione l’educazione del gusto alle caratteristiche dei prodotti lattiero-caseari della Sardegna”.

Soddisfazione anche da parte del presidente del Consorzio di tutela del Pecorino romano Dop, Toto Meloni: “La somma stanziata – afferma – non è altissima ma immagino che sia soltanto l’inizio di una strategia che la Sardegna ha deciso di portare avanti”. “Essendo altamente qualificante ed in linea con le direttive dell’Unione europea, – prosegue – non possiamo che apprezzare l’iniziativa della Giunta. Andremo ad educare una nuova generazione di consumatori, – conclude Meloni – credo che questa sia la strada migliore per la promozione e la qualità”.

Mauro Sedda