Home Lifestyle Salute

Videogiochi e obesità, causa ed effetto

0
CONDIVIDI

La WHO, vale a dire la World Health Organization, ha condotto una ricerca con la quale mette sotto accusa i videogiochi come una delle cause dell’ obesità sempre più dilagante tra i ragazzini.

I ragazzini non fanno abbastanza esercizio fisico perchè stanno anche più di tre ore seduti davanti a uno schermo a giocare coi videogames. Si dovrebbe fare ginnastica almeno un’ora al giorno per cinque giorni alla settimana”.

Ovviamente la sedentarietà provocata dai videogiochi non è da sola sul banco degli imputati, a farle compagnia sono anche le ore trascorse al computer a chattare e il troppo tempo trascorso a guardare programmi televisivi.

Lo studio ha coinvolto circa 73.000 ragazzini di età compresa tra i 13 ed i 15 anni, provenienti da quasi tutto il mondo, osservandoli  per quattro anni,dal 2003 al 2007. Il 25 per cento dei maschi ed il 30 per cento delle femmine sono stati classificati come “sedentari”.

Infatti, dai dati emersi, i ragazzini trascorrono circa tre ore al giorno davanti ad uno schermo a guardare la televisione o a giocare con i videogame, con una attività fisica praticamente nulla che diventa determinante per l’obesità.

Ovviamente la polemica nata da una tale notizia tra i più appassionati di videogiochi ha portato a criticare e a contestare lo studio, perdendo di vista che esso si colloca in una realtà fatta di cattive abitudini che accresce il problema obesità.

Una cattiva alimentazione, fatta con cibo spazzatura e disordini alimentari, diffusissima soprattutto tra gli adolescenti, la sedentarietà provocata da attività ludiche sempre più affascinanti che inducono a stare fermi per ore, l’inesistenza di un’attività fisica, magari all’aria aperta, salutare non solo per il fisico ma anche per la mente, sono tutte concause che dalle ricerche possono emergere una ad una ma alla fine la conseguenza è una sola e allarmante: l’obesità!

Caterina Cariello