Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Incidente in una miniera negli Stati Uniti: il miracolo non si ripete

CONDIVIDI

Sospese le ricerche dei 18 minatori dispersi a Montcoal, 48 km da Charleston, capitale del West Virginia. Il miracolo cinese forse non si ripeterà, i soccorritori infatti, considerano pericolo continuare a cercare nei cunicoli saturi di metano, probabile causa dell’incidente, e per questo si buca la terra nel tentativo di riportare ossigeno, per riprendere i soccorsi e sostenere chi forse ancora non è morto dalle 16.30, ora locale dell’incidente.

Il Governatore, Joe Manchin, ha sottolineato la criticità della situazione, dopo una gaffe per essersi affrettato ad affermare che tutti erano stati tratti in salvo, smentendo poi la notizia due ore dopo. Nessuno ancora, come ha dichiarato Kevin Stricklin, portavoce della Mine Safety and Health Administration, ha raggiunto le camere attrezzate per sopravvivere per 96 ore in caso d’incidente.

Obama ha garantito gli aiuti federali sotto qualsiasi forma, oltre che il sostegno nelle sue preghiere per i 25 morti.

Montcoal si raccoglie attorno all’economia creata dalla miniere, quindi il disastro si è trasformata in una tragedia di un’intera comunità per questo West Virginia che rimane infatti uno degli Stati più poveri degli Stati Uniti, maggior produttore di carbone e uno dei pochi in cui le miniere siano ancora produttive.

La Mass energy, una delle aziende maggiori nel settore estrattivo con 200 dipendenti e una produzione di 1,2 milioni di tonnellate di carbone nel 2009, aveva ricevuto anche e solo nel 2009, 400 mila dollari di multe per violazioni alla sicurezza, confermate quest’anno con 57 citazioni.

Secondo i dati del Ministero del Lavoro statunitense gli incidenti mortali sono in calo diciotto morti nel 2009, trenta nel 2008, trentaquattro nel 2007 e quarantasette nel 2006.

Negli ultimi 12 anni almeno altri tre incidenti mortali sono avvenuti nella miniera della West Virginia Upper Big Branch, nel 1998 un minatore era rimasto ucciso nel crollo di una trave di supporto, nel 2001 un minatore era stato ucciso a causa del crollo di un pilastro di sostegno e nel 2003 un elettricista della miniera era morto per una scarica di corrente molto potente mentre stava riparando una vettura usata nell’impianto.

di Fabiana Galassi