Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Antonella Brunetti: l’appello disperato di una volontaria

CONDIVIDI

Non che sia l’unica probabilmente ad essere nelle condizioni che lei stessa descrive,  ma Antonella, chi scrive la conosce personalmente e sa quanto ha lottato per i suoi “micetti” e quanto ancora vuole lottare. Stasera però dal suo account di Facebook è arrivato un’appello, che non si può non definire straziante. Lo pubblichiamo, in accordo con lei, integralmente:

“Da oggi i Micetti di Brindisi non avranno più Cibo, ho esaurito tutto, tutto ciò che avevo è stato dato a loro, anche il cuore. Un ringraziamente a laura per la donazione di crocchette che mi ha permesso di sfamare i mici in questi ultimi giorni. La vita di queste creature è responsabilità sociale, ho fatto tutto e oltre le mie possibilità.
Per anni, ogni giorno, sono stata sempre presente x loro.Sto male ma non posso inventarmi ciò che non ho.L’impossibile è stato già fatto, mi spiace…ma qst volta nn posso davvero far nulla.Nessun appoggio da Associazioni, grossisti, negozianti, veterinari, avvocati, niente di niente…solo TUTTE le mie energie e i miei risparmi...x i Micetti in una città dove gli animali sono considerati meno di ZERO e gli animalisti con la A maiuscola si possono contare.Non mollo perchè sono stanca ma perchè non ho avuto l ‘appoggio di nessuno, perchè chi ha promesso AIUTO ha fatto si che quei pochi volontari di Brindisi si estinguessero del tutto, perchè non ho più modo di recuperare del cibo.”

Antonella Brunetti, è appunto una volontaria di Brindisi, che da anni segue diverse decine di gatti, quasi sempre da sola, dedicando loro la totalità del suo tempo.  I “micetti di Brindisi”  è  anche un gruppo su facebook, nato nella sparanza che qualcuno, più di uno magari e con costanza, condividesse la causa, ciò avrebbe significato la vita per i suddetti micetti.

Antonella, oltre ad aver sfamato decine di gatti quasi solo a spese sue, se si escludono poche persone di buon cuore, ha allattato ( e ancora lo fa) ha sterilizzato, ha curato, ha vegliato ed ha assistito impotente alla morte di un numero di gatti cuccioli e adulti che riesce difficile identificare.

L’appello da queste pagine è rivolto a chiunque, singoli , associazioni, istituzioni, politici, media e qualunque altra “categoria” sia in grado di dare una mano. Questa mano, va sottolineato non consiste solo nell’inviare denaro ed anzi, sarebbe auspicabile un trasferimento di alcuni o della maggior parte dei mici, in strutture che possano perlomeno sfamarli quotidianamente. Per fare questo però è necessario un aiuto pratico, prima ancora che economico, serve insomma la gente sul posto che lo voglia fare, o gente che sul posto ci possa andare ed intervenire direttamente.

Col permesso della volontaria in questione pubblichiamo i suoi contatti: e-mail: [email protected]

A.S.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram