Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

Ocse: “L’Italia è in ripresa”

CONDIVIDI

Il prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,2% nel primo trimestre del 2010 e dello 0,5% nel secondo. Sono i dati della nuova stima pubblicata dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). I dati sono incoraggianti secondo il ministro dello Svlippo Economico, Claudio Scajola, che considera queste stime “un’ulteriore conferma della correttezza della politica anticrisi del governo”. Il ministro ha anche sottolineato che “la minore crescita prevista per il secondo trimestre indica che la ripresa è ancora debole, intermittente ed esposta a rischi di arretramento”.

Anche il capo economista dell’Ocse, Pier Carlo Padoan, sottolinea i segni incoraggianti: “Stiamo andando nella direzione giusta, e magari lo stiamo facendo più in fretta di quanto si pensasse 3 mesi fa – ha spiegato l’economista – ma possiamo dire che non abbiamo più bisogno di politiche di stimolo fiscale? Forse, ma non c’è certezza”. l’Ocse prevede per i primi due trimestri del 2010 una crescita rispettivamente dell’1,2 e dello 0,5%, con un rallentamento nei secondi tre mesi spiegato in parte dall’esaurirsi dell’effetto positivo delle vendite di automobili. Secondo Padoan al nostro paese serve un significativo taglio delle spese e un’azione che sia mirata contro  le cause della debolezza della crescita. «Quando le condizioni saranno tornate normali – spiega Padoan – i mercati saranno molto meticolosi nello stabilire i prezzi del debito dei diversi Paesi. Per l’Italia, se ci dovesse essere un aumento anche molto piccolo degli spread, dato l’alto debito ci sarebbe un effetto a catena molto pericoloso, che rischierebbe di attivare un circolo vizioso».

Di seguito le proiezioni dell’Ocse per i principali paesi e aree economiche:

Stati Uniti: 2,4 nel primo trimestre, 2,3 nel secondo
Giappone: 1,1 (I trim) 2,3 (II trim)
Euro 32: 0,9 (I trim) 1,9 (II trim)
Germania: -0,4 (I trim) 2,8 (II trim)
Francia: 2,3 (I trim) 1,7 (II trim)
Italia: 1,2 (I trim) 0,5 (II trim)
Regno Unito: 2,0 (I trim) 3,1 (II trim)
Canada: 6,2 (I trim) 4,5 (II trim)
G7: 1,9 (I trim) 2,3 (II trim)

Stefano Bernardi