Razzismo a Pordenone: un nero costretto a pagare di più il caffè

CONDIVIDI

Un extracomunitario africano sarebbe stato discriminato dal gestore cinese di un bar: gli sarebbe stato chiesto di pagare un euro per un caffè, invece dei novanta centesimi chiesti di solito agli altri clienti. Il motivo è il colore della pelle, un po’ troppo abbronzata per il gestore del bar.

L’episodio di razzismo è avvenuto a Spilimbergo, a pochi chilometri da Pordenone ed è stato denunciato direttamente dall’uomo di colore ai Carabinieri. Stando a quanto riportato dal Messaggero veneto e dal Gazzettino, la vittima si dovrebbe addirittura ritenere fortunata per l’accesso consentito all’interno del bar.

Antonella Gullotti