“E se domani”…scomparso Carlo Alberto Rossi, autore di Mina

Carlo Alberto Rossi

È morto ieri a Milano all’età di 89 anni Carlo Alberto Rossi, uno dei più importanti autori di musica italiani, tanto che nel 2002 il Festival di Sanremo gli aveva assegnato l’ambitissimo Premio alla carriera.

Rossi aveva partecipato a ben 18 Festival, ma senza giungere mai alla vittoria; tuttavia molte delle sue 600 canzoni sono ormai parte della storia della musica italiana. Il 1947 fu l’anno in cui riuscì a farsi notare nel panorama musicale italiano: era il periodo di “Amore baciami” di Lidia Martorana, brano che riscosse un ampio successo.

Proseguendo la sua carriera arrivò a collaborare con alcuni dei più famosi cantanti italiani, per citarne alcuni: Mina, Natalino Otto, Luciano Tajoli, Joe Sentieri, Fausto Cigliano, Milva e per ultimo anche Mario Biondi, ancora sulla cresta dell’onda. Lavorò anche per alcuni artisti stranieri: da Bing Crosby a Nat King Cole, a Tom Jones.

Tra le sua canzoni più famose, arrivate fino a oggi, ricordiamo “Le mille bolle blu”, “E se domani”, (entrambi brani storici cantati da Mina, presentati al Festival di Sanremo ma curiosamente entrambi scartati) “Anima gemella”, “Quando vedrò”, “Avventura a Casablanca” e “Stanotte al luna park”.

Lavorò anche come discografico Rossi. Fondò infatti la CAR Juke Box, che restò operativa fino al 1975 e collaborò con cantanti come Joe Sentieri, Miriam Del Mare, Luciano Tajoli, i primi Le Orme, Mia Martini (quando ancora incideva col nome Mimì Berté), Pier Giorgio Farina ed Enzo Jannacci.

Martina Guastella