Grande Fratello 10, Veronica Ciardi e Sarah Nile icone saffiche ma eterosessuali

Una grande amicizia, come poche se ne possono vedere sopratutto nello spietato ed assai concorrenziale mondo dello spettacolo, quella sbocciata tra due delle ex gieffine ancora oggi più in voga e richieste da media e carta stampata.

Veronica Ciardi e Sarah Nile, contro una densa nube di critiche e dissensi hanno fatto della loro intesa, a più riprese messa in discussione, denigrata, smontata e trasfigurata in un rapporto più amoroso che all’ insegna di una leale amicizia, un punto di riferimento, un’ aspettativa di vita, un progetto per il futuro.

E pensare che la bella modella partenopea di PlayBoy, non fece mistero di un’ antipatia a prescindere verso l’ ex cubista romana, prima di entrare nella casa del “Grande Fratello 10”, in veste di reclusa. L’ una ha rappresentato un piano d’ appoggio per l’ altra, insieme hanno condiviso speranze, lacrime, sofferenze, delusioni e scontri verbali con gli altri coinquilini, il timore di reintrare nel movimentato mondo del reale dopo l’ aver assaporato l’ abbraccio ovattato di una lunga permanenza nello stabile di Cinecittà, lontane dagli ostacoli e dai tranelli della vita.

Proverbiale è diventato, anche per la nutrita stuola di proseliti che osannano le due ragazze, il “sogno” di abitare sotto lo stesso tetto e di continuare una convivenza complementare anche dopo la chiusura del reality show, obiettivo che insieme stanno coronando.

In molti hanno additato la loro esigenza di cercarsi e di stare il più vicino possibile come una storia omosessuale in erba, tesi che trova sostegno in alcuni atteggiamenti che Veronica e Sarah hanno avuto nella casa, arricchiti da ammiccamenti, baci e dolci carezze.

Sull’ indole che caratterizza ognuno di noi, non si può e non si dovrebbe mai sindacare, la libera scelta prima di tutto ma a smentire un corridoio di voci che vorrebbero la romana e la napoletana, vere eroine della comunità lesbica, con portali anche stranieri che hanno dedicato ampi pezzi sul loro amore saffico, ci pensano le dirette interessate che nel corso di svariate interviste hanno precisato di avere attrazione solo per gli uomini e il bene che le lega, seppur fuori dal comune, intenso e magico non declina verso una voce fatta di amore passionale e sesso.

E se nel caso, sono o saranno prese come esempio dalle comunità in questione che, con fervore difendono i diritti dei gay, rappresenteranno due simboli eterosessuali ed un invidiabile esempio di amore e complicità da seguire.

Gionata Cerchiara