Cristiano Ronaldo tra amore e avatar

Sempre insieme, sempre amici… o qualcosa in più?

Kim Kardashian, la famosa modella che qualche mese fa si è aggiudicata tra tantissime altre candidate il titolo di “corpo più sexy del pianeta” sulla rivista FHM e che partecipa al reality show “Al passo con i Kardashian” – programma televisivo seguitissimo che racconta la sua vita e quella delle sorelle Khloe e Kourtney, tra feste, set fotografici, viaggi, amori e soprattutto tanto shopping, in onda ora in Italia la quarta serie su E! Entertainment (canale 124 di Sky) – continua a vedersi con un calciatore altrettanto apprezzato, Cristiano Ronaldo.

Dopo la storia ormai finita con Reggie Bush, famosa stella del football americano, durata ben 3 anni con un ultimo periodo burrascoso, pieno di colpi di scena, pause e altro ancora, la ragazza si fa vedere oggi in giro con il calciatore del Real Madrid.

Cristiano Ronaldo, negli ultimi giorni invece affronta un’altra sfida che questa volta non riguarda il tema amoroso.

Davanti a molti fan, il fuoriclasse portoghese ha combatuto contro un gigante virtuale di circa 9 metri – precisamente la versione avatar di se stesso – in occasione del “Challenge Ronaldo” a Madrid.

Gara unica e spettacolare, quasi a superare l’emozione del calcio.

Attraverso un test speciale di velocità, forza e agilità, Castrol – azienda di sponsor della Fifa Cup 2010 – ha chiesto a Cristiano Ronaldo di prender parte al grande appuntamento spagnolo.

La sua immagine proiettata gigante è stata registrata all’inizio di quest’anno mentre il giocatore correva e dribblava per oltre 24 metri di campo.

Il momento più emozionante? Quando venti fortunatissimi vincitori di un concorso a cui avevano partecipato più di 20mila tifosi in tutto il mondo, hanno avuto l’occasione per sfidare l’avatar del calciatore.

“Ho gareggiato contro i migliori giocatori del mondo, ma non aveva mai avuto la possibilità di sfidare me stesso. Mi sentivo molto sotto pressione perché dovevo battere il mio tempo davanti a tutti i fan e dimostrare che sono il migliore. Dovevo fare il tempo più veloce!” queste le parole divertite del calciatore di Madrid.

Valentina Princic