La Polonia dà l’estremo saluto al presidente Kaczynski

Le bare dei coniugi Kaczynski durante la cerimonia funebre a loro riservata (© Ansa)

Chiunque conosca un polacco sarà a conoscenza del forte legame patriottico che lega questo popolo alla propria terra natale. Anche in considerazione di questo, la tragedia aerea dello scorso 10 aprile in Russia risuona ancora di più come un colpo inferto al forte orgoglio del popolo polacco, che ha commemorato il presidente Lech Kaczynski e le altre 95 vittime dell’incidente (ivi compresa sua moglie Maria) con una settimana di lutto senza precedenti. Nella giornata di oggi, a conclusione delle giornate di lutto nazionale, si è tenuto il funerale di Stato dei coniugi Kaczynski, tra la commozione e lo stupore di tutta la Polonia: un paese triste, amareggiato, osteggiato dal destino.

La cerimonia funebre si è tenuta nella cattedrale di Wawel a Cracovia (chiesa famosa per raccogliere le spoglie dei più illustri personaggi polacchi) alla presenza di pochi familiari e amici intimi dei coniugi Kaczynski. A conclusione del rito funebre sono state sparate 21 salve di cannone – onore riservato a pochi – e le spoglie della coppia sono state poste nella cripta accanto a quella dove riposa il generale Jozef Pilsudski, eroe dell’indipendenza nazionale.

Alla cerimonia sono mancati molti dei capi di Stato invitati, a causa dei blocchi aerei di questi giorni legati alla nube vulcanica proveniente dall’Islanda. Così Barack Obama, Silvio Berlusconi, Angela Merkel e il principe Carlo d’Inghilterra hanno inviato i loro messaggi di cordoglio scusandosi per la mancata presenza alla cerimonia. A fare eccezione è stato il presidente russo Dmitry Medvedev, che ha fatto di tutto per essere presente, dimostrando così di voler rinsaldare i rapporti tra i due paesi. Rapporti che, a onor del vero, sono sempre stati molto complicati, sin dalla caduta dell’URSS.

L’augurio di un migliore futuro diplomatico tra Russia e Polonia è stato espresso anche dal cardinale Stanislaw Dziwisz, il quale – durante la cerimonia funebre – ha dichiarato che “la tragedia di otto giorni fa e la simpatia e l’aiuto giunti da parte russa in questi giorni ci fanno sperare in migliori relazioni tra le due nostre grandi nazioni”.

Roberto Del Bove