Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Una nuova AN?

Una nuova AN?

Dopo quanto accaduto nella puntata de “L’ultima Parola” di venerdì scorso, lo strappo tra i finiani e il Pdl sembra ormai prossimo a causare la definitiva rottura. Da decidere, dunque, resta soltanto il modo in cui affrontare la clamorosa separazione dopo appena un anno dalla fondazione del partito di centro-destra. Nella giornata di domani si attendono importati sviluppi.

E’ infatti fissata per domani la riunione degli ex An voluta dallo stesso Fini con l’obiettivo di stilare un documento da presentare alla direzione del Pdl. Nel documento verranno messe nero su bianco le richieste dei secessionisti nei confronti di Berlusconi. Ma mentre il Presidente della Camera non si sbilancia sul futuro del partito, tra i suoi fedelissimi impazzano le ipotesi.

Carmelo Briguglio, vicepresidente dei deputati Pdl, parla già di “un nuovo partito“, nient’altro che la rinascita di An il cui “brand è ben noto agli elettori e permetterebbe di non farci passare da traditori”. Un’altra ipotesi è quella di una trattativa con i vertici del Pdl per cercare in tutti i modi di salvare il salvabile senza ricorrere alla scissione.  La terza via, quella più accreditata, è sostenuta dal finiano Adolfo Urso, il quale vedrebbe di buon grado la formazione di una “minoranza interna, in un grande partito plurale“, con la tanto richiesta autonomia. A Fini spetta ovviamente l’ultima parola.

Di Marcello Accanto