Alessandro Cecchi Paone confessa: “Voglio sposare un uomo tra i venti e i trenta anni”

Il conduttore televisivo e giornalista romano, Alessandro Cecchi Paone si è confidato durante un’ intervista rilasciata al quotidiano “Il Giornale”, incentrata sopratutto sulla sua vita privata, sui progetti a medio e lungo termine, i sogni e desideri che affollano la mente del presentatore del piccolo schermo, che ha da qualche anno fatto outing, dichiarando al pubblico la sua omosessualità.

Cecchi Paone, con un curriculum ben nutrito alle spalle, ha dedicato gran parte del suo operato di giornalista alla divulgazione scientifica e culturale in varie trasmissioni, a volte considerate “di nicchia“, ma di fattura assolutamente pregevole e dagli standard elevati, che si sono da sempre proposte di insegnare e diffondere il sapere, in modo semplice ed efficace, la conoscenza alla portata di tutti sembra infatti essere il dictat del conduttore romano.

Direttore del canale culturale “Marcopolo“, in onda sulla piattaforma satellitare Sky, Cecchi Paone è stato ideatore e conduttore del programma “Open Space“, salotto che ha affrontato tematiche inerenti al mondo omosessuale, sul canale Gay.tv; restano indimenticabili le conduzioni di programmi del calibro di “Appuntamento con la storia” e “La macchina del tempo”, format culturali dei quali va molto fiero, denunciandone la progressiva e logorante scomparsa dai palinsesti televisivi, agguerrito e sempre pronto a puntare il dito contro l’ invasione nefasta dei reality show.

“Ho avuto due grandi amori femminili, una fidanzata e una moglie, e due grandi amori maschili con convivenza. Da un po’ di tempo non succede e mi manca. Quindi il primo desiderio è banale e umano, e spero lo pensi tale anche chi mi legge: vorrei un nuovo grande amore in cui due storie, due persone, due corpi, due quotidianità si compenetrano” – questo, il primo obiettivo di vita del conduttore romano, riassaporare il gusto inebriante dell’ amore vero che latita da molto tempo dalla sua vita;

ma Cecchi Paone nutre altri due desideri che prima o poi, vorrà concretizzare: “Il secondo desiderio è che questo amore possa prevedere la costruzione di un futuro, e il terzo è che io possa, arrivato quasi a cinquant’ anni, riversare sul mio compagno l’enorme bagaglio di conoscenza e di esperienze che la vita mi ha consentito di accumulare”.

E su quale sia il target di uomo ideale, il presentatore non ha dubbi: “Amo gli uomini giovani, tra i venti e i trent’ anni. Cerco un compagno d’armi, di avventure, di battaglie. Qualcuno a cui trasferire tutto ciò che sono”.

Gionata Cerchiara