Francesca Cipriani protesta nella fontana di Trevi: “Io sono una vera pupa”

Orgoglio e rabbia di una Pupa scartata. Francesca Cipriani, ex concorrente del Grande Fratello, ha voluto emulare Anita Ekberg nella Dolce Vita attirandosi così curiosi e fotografi alla Fontana di Trevi per assistere alla sua singolare protesta. Il motivo? La sua esclusione dalla nuova edizione de ‘La Pupa e il Secchione’, la cui prima puntata è andata in onda domenica su Italia 1. Cartellone, corona da regina delle pupe e decolleté che poco spazio lasciava all’immaginazione, con tanto di tatuaggio in bella mostra sul seno, e la Cipriani verso mezzogiorno si è immersa nella fontana.

Francesca Cipriani proprio non ci sta a rimanere fuori dalla luce dei riflettori televisivi; recentemente era passata all’attacco mostrandosi in tv subito dopo l’operazione di chirurgia alla quale si è sottoposta per aumentare la taglia del suo già prosperosissimo seno, raggiungendo una sconcertante settima, ed ora protesta vivacemente contro gli autori ed i produttori del programma condotto da Enrico Papi e Paola Barale. Dopo aver guardato la prima puntata de ‘La Pupa e il Secchione’, Francesca infatti proprio non è riuscita a trattenersi. “Senza nulla togliere alle ragazze selezionate – dice -, perché loro sì e io no? Voglio esserci anche io, in fondo sono una vera ‘pupa’, o forse non si vede? Faccio un appello agli autori perché mi chiamino; ho fatto tutti i provini, ma la convocazione non è arrivata: io sono ‘pupa inside’. Da quando mi sveglio, prima di uscire mi occorrono due ore tra trucco, parrucco e scelta dell’abito”.

Eppure pare che tutto ciò non sia servito per convincere gli autori del programma, che le hanno preferito delle Pupe meno note. La stessa protesta sembra poi destinata a non avere eco ed anzi con essa Francesca ha anche rischiato qualcosa di più che l’esclusione dal programma. La Polizia Municipale le ha infatti fatto un verbale accreditandole anche una multa sostanziosa. “Volevo immergermi completamente – confessa l’ex Grande Fratello -, ma ho desistito quando la polizia mi ha annunciato che mi avrebbe arrestata. Ho affidato il mio sogno a questa fontana, spero che possa realizzarsi…”.

Andrea Camillo