Cinema: dal 30 aprile arriva Vendicami di Johnnie To

E’ stato presentato oggi al Politecnico Fandango di Roma, Vendicami, l’ultimo lavoro del regista cinese Jhonnie To, che verrà distribuito in Italia proprio da Domenico Procacci dal prossimo 30 aprile.

Il regista asiatico si è recato nella capitale per l’occasione e contemporaneamente è stato premiato da un altro maestro del cinema Dario Argento, che ha assegnato a Jhonnie To il premio Leone Nero 2009 per il Miglior film, riconoscimento attribuito dall’ormai consolidato Courmayeur Noir in Festival.

Nel consegnare il premio Dario Argento ha dichiarato, a proposito dell’ultima fatica: “Questo di Johnnie To è un film davvero notevole, pieno di vita, come d’altronde lo è tutto il suo lavoro d’autore. Trovo che nella pellicola confluiscano il noir e il genere western, facendo sì che To possa essere ritenuto uno dei talenti più interessanti del panorama cinematografico asiatico, e non solo”.

Vendicami è una ricognizione astratta e poetica sul tema della vendetta e racconta di una donna francese (Sylvie Testud, Lourdes), un uomo cinese e i loro due bambini: i sicari piombano in casa, e ne fanno strage. Si salva solo la donna, al cui capezzale dalla Francia arriva il padre, Costello, un ex killer diventato cuoco che ingaggerà tre sicari per vendicare la famiglia della figlia. “Il protagonista lentamente perde la memoria, ed è a quel punto che ci si domanda se la vendetta ha ancora ragione di esistere, se le motivazioni sono ancora le stesse. Costello è un personaggio si vendicativo ma allo stesso tempo triste, perché in se conserva il dolore di una vita, che a noi non ci è dato sapere ma che comprendiamo attraverso lo schermo dei suoi occhi“.

Il nome Costello è un esplicito omaggio al Jean-Pierre Melville di Le Samourai (uscito in Italia col titolo Frank Costello, faccia d’angelo), che inizialmente doveva essere interpretato da Alain Delon. E’ invece Johnny Hallyday a vestirne i panni, già grande protagonista de L’uomo del treno di Patrice Leconte.  “Non lo conoscevo – ha raccontato il regista – ma quando l’ho visto per la prima volta ho capito che era perfetto per il ruolo di Costello. La sua fisicità, il suo volto, e sopratutto i suoi intensi occhi, mi hanno convinto immediatamente”.

Claudia Fiume

Notizie Correlate

Commenta