Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia Il sindaco di Viterbo Marini assicura che il Bullicame è oggetto di...

Il sindaco di Viterbo Marini assicura che il Bullicame è oggetto di importanti opere di recupero

Il sindaco di Viterbo, Giulio Marini è intervenuto il merito alle lamentele dello stato di abbandono in cui verserebbe il Bullicame.

“Solo qualche precisazione – esordisce il primo cittadino – a seguito delle considerazioni esternate dall’onorevole Sposetti e dai consiglieri comunali Pd Natalini, Serra e Fersini in occasione dell’incontro di venerdì, al Bulicame.

Vorrei ricordare che è in atto un complesso intervento di recupero dell’intera area. 

Già dallo scorso anno, con il coinvolgimento della Ausl, sia del personale che dei pazienti, ma anche di altre realtà come Eta Beta, l’associazione familiari e sostenitori, sofferenti psichici della Tuscia, e attraverso il progetto del “nonno vigile”, si sta portando avanti un ampio lavoro di manutenzione della zona.

Un lavoro enorme, curato da volontari che ringrazio per la loro preziosa e quotidiana opera di recupero e pulizia dell’area.

Sono in programma numerose azioni da concretizzare anche in collaborazione con l’Orto Botanico dell’Università degli Studi della Tuscia e della Fondazione Carivit per completare l’opera di valorizzazione dell’antico luogo.

Per valorizzazione intendo anche e soprattutto salvaguardare la zona dall’inciviltà di alcuni individui. Purtroppo, frequentemente, l’area del Bulicame è oggetto di atti vandalici.

È necessaria, anzi fondamentale, la videosorveglianza per garantire sicurezza a chi, occasionalmente o abitualmente frequenta la zona, ma anche per tutelare l’incolumità e la dignità del luogo.

A breve si vedranno i frutti delle azioni messe in campo in questi mesi dall’amministrazione comunale.

Un primo risultato è già stato ottenuto con l’approvazione del regolamento che ho firmato nei giorni scorsi, che disciplina l’utilizzo dell’area del Bulicame e che entrerà in vigore nei prossimi giorni.

Nel mentre, l’acqua sgorga continuamente dalla fonte e le vasche vengono regolarmente pulite.

Il nostro obiettivo è sempre quello di offrire ai viterbesi il Parco del Bulicame, tra storia e natura.

Quanto alle ex Terme Inps e alla società mista tra Comune e Regione non ancora partita, vorrei precisare ai consiglieri Sposetti e Serra, che la costituzione di tale società era stata già da me discussa e concordata con i precedenti vertici della Regione Lazio.

Le note e delicate vicende che hanno interessato l’ex governatore hanno indubbiamente rallentato l’iter per l’avvio dell’attività societaria.

 Il completamento del progetto di recupero delle ex Terme Inps potrà riprendere non appena si sarà ufficialmente insediata la neo presidente Polverini.

Vorrei ricordare infine alla consigliera Natalini che lo scorso anno, nell’assestamento di bilancio, la quota economica in capo al Comune è stata aumentata ed equiparata a quella in capo alla Regione Lazio.

Al di là delle parole e delle vicende, c’è però una cosa che mi dispiace molto a livello personale.

Dalla conferenza stampa di venerdì, non è emerso da nessuna parte l’impegno con cui i volontari, anziani e sofferenti psichici, portano avanti il loro lavoro.

Si è parlato solo di degrado.

Nessuno si è preoccupato di gratificare con una parola chi, di quella zona, se ne prende cura ogni giorno”.

Wanda Cherubini