Barcellona-Inter, Ibrahimovich e compagni cercano la “remuntada”

Mancano solo due giorni a quella che in Spagna sembra essere la partita del secolo. La sfida tra Barcellona e Inter per il ritorno della semifinale di Champions è attesissima. I tifosi credono nella possibile rimonta perchè sanno di poter confidare in una squadra che fin’ora non li ha mai delusi. Mourinho e i suoi sono avvisati; del resto gli uomini di Guardiola avevano già mandato un messaggio agli interisti: ” venderemo cara la pelle“, questo lo slogan sulla maglia indossata alla fine dell’ultima gara di campionato… Piu’ chiaro di così!

Sarà davvero dura la sfida al Camp Nou per la compagine interista che partirà, è vero, con il vantaggio del 3 a 1, ma avrà di fronte dei gladiatori. Almeno così sembrerebbe… I giocatori spagnoli rilasciano dichiarazioni di forza e sono convinti di piegare l’Inter senza problemi perchè il Santiago Bernabeu li aspetta il 22 maggio.

I giornali sportivi spagnoli di oggi dedicano pagine e pagine a questa semifinale. Fiumi di inchiostro si sprecano per incitare e per ricordare le grandi imprese del passato. E soprattutto si cerca l’aiuto dei tifosi.

Come prima cosa un corteo di motorini, macchine e gente a piedi volenterosa, accompagnerà il pullman del Barcellona fino all’arrivo all’hotel presso il quale la squadra cercherà di distendere i nervi prima della gara. La società ha invitato la popolazione a riempire le strade di bandiere blaugrana. Allo stadio poi tutti dovranno indossare la maglia con i colori della squadra di casa. Un vero e proprio tempio sacro del Club catalano insomma attende i poveri tifosi e soprattutti i giocatori interisti.

La società spagnola ha anche chiesto l’apertura anticipata dello stadio ai tifosi; un’ora almeno per demolire psicologicamente gli interisti anche durante il riscaldamento.

Tutto pronto per la ” Remuntada”  di cui tanto si sta parlando. Ci pensa l’ex interista a caricare i suoi, Ibrahimovic è convinto che il Barça non avrà nessun problema. Secondo l’attaccante un 3 a 1 equivale a un 1 a 0 quindi tutto può succedere!

Filomena Procopio

Notizie Correlate

Commenta