Home Lifestyle Salute

La limonata aiuta la prevenzione dei calcoli renali

CONDIVIDI

Sappiamo già che bere molti liquidi favorisce la diluizione di sale, calcio e proteine ed aiuta a prevenire i calcoli renali, ma una ricerca dell‘Università della California a San Diego, condotta nella sezione – Comprehensive Kidney Stone Center – ha scoperto che la limonata contrasta in maniera molto più efficace la loro formazione, grazie alla presenza del citrato, inibitore naturale della formazione dei grani di calcio.

Inoltre il limone rivela, a differenza degli altri agrumi, bassi livelli di calcio e di ossalto, capaci di favorire invece la patologia.

La ricerca condotta su alcuni volontari, a cui è stata somministrata una dieta che comprendeva il consumo di limonata, si è basata sulla misurazione del tasso di formazione dei calcoli.

In due litri d’acqua sono stati disciolti circa 113 grammi di succo di limone, la limonata è stata proposta ogni giorno al gruppo di pazienti, nei quali, alla fine del periodo di studio, si è mostrata una riduzione del tasso di formazione dei calcoli da 1,00 a 0,13.

I calcoli renali sono molto pericolosi, anche se di subdola insorgenza, visto che ci si accorge di loro solo alla comparsa della colica.

Spiega il dottor Roger L. Sur, a capo della ricerca: “Dolori addominali e alla schiena, sangue nelle urine e nausea o vomito, sono i tre classici sintomi dei calcoli renali. Non dovete necessariamente avere tutti e tre i sintomi, ma ognuno di loro è difficile da ignorare. Dopo aver avuto un dolore estremo, si dovrebbe andare dal medico o andare al pronto soccorso subito, specialmente se è presente febbre. La presenza di febbre indica che si può avere un’infezione nel sangue che può essere pericolosa per la vita”.

Per questo è importante riuscire a prevenire i calcoli, soprattutto se si è già sofferto di questa patologia, poiché le probabilità di riformazione sono addirittura del 50 per cento.

Giulia Di Trinca