Roma-Sampodoria, Ranieri: “Un punto o zero era la stessa cosa”

La Roma perde 2 a 1 con la Sampdoria e, in seguito alla vittoria di ieri dell’Inter sull’Atalanta, perde anche la vetta della classifica. Una partita che ha visto dominare in lungo e in largo i capitolini nel primo tempo, divorandosi occasioni da gol a raffica e ha visto un epilogo inaspettato con la vittoria dei doriani che espugnano l'”Olimpico” con una doppietta del cecchino infallibile Pazzini.

Ranieri, ovviamente non soddisfatto del risultato, continua a ostentare molta calma e non getta la spugna: “Un punto o zero e’ la stessa cosa, tanto poi dobbiamo fare tre vittorie e speriamo in un pareggio dell’Inter. E se si arriva insieme a 80 punti siamo in vantaggio negli scontri diretti. Eravamo padroni del nostro destino, ora non lo siamo più. Forse nel derby la dea bendata era stata dalla nostra parte, stasera non lo e’ stata“.

L’arbitraggio di Damato è stato oggetto di critiche da più parti, compresa Rosella Sensi, ma il tecnico testaccino non si sbilancia in merito: “Come lo valuto io non conta nulla  perche’ conta come lo valuta Collina. Noi possiamo essere sotto pressione o delusi, Collina e’ freddo e vedra’ lui se c’erano gli estremi per qualche rigore o se tutto e’ filato liscio. Ora dobbiamo andare a Parma e fare la nostra partita, come se non fosse successo niente, tanto lo scudetto si decidera’ all’ultimo secondo, quindi per noi a Verona con il Chievo. Continueremo a lottare come abbiamo sempre fatto. Oggi abbiamo fatto il nostro miglior primo tempo da quando sono qui”.