Roma, Toni non si arrende: “Spero che la Lazio dia il 100% contro l’Inter”

A 24 ore di distanza dalla gara contro la Sampdoria, con l’amaro in bocca per quella che potrebbe essere stata la sconfitta decisiva per la corsa tricolore, Luca Toni non si arrende. Certo, molto (se non tutto) dipenderà dalla prossima giornata, quando i l’Inter sarà di scena all’Olimpico contro la Lazio. Il dubbio che i biancocelesti non abbiano intenzione di mettere i bastoni tra le ruote ai nerazzurri è più che legittimo: “Dobbiamo fare tre vittorie e sperare in un passo falso dei nerazzurri – ha osservato Toni -. La vedo difficile. È stato un brutto risveglio oggi e abbiamo tanta amarezza. Spero che la Lazio contro l’Inter faccia una grande prestazione: contro la squadra di Mourinho bisogna andare al cento per cento, spero col cuore che lo sia, siccome però sono dell’altra sponda è probabile che vinca l’Inter…“.

A differenza di Rosella Sensi, che aveva parlato di “arbitro inadeguato“, il centravanti giallorosso non crede che ieri sera Damato sia stato decisivo: “Qualche episodio dubbio c’è stato, ma io credo sempre nella buona fede degli arbitri, non posso pensare che ci sia una combine o qualcosa più potente che dica che deve vincere una squadra. Vorrebbe dire che il calcio è finito.Un arbitro può sbagliare – ha proseguito Toni -, in una partita così importante ci sono stati episodi che possono cambiare il volto della partita. Altre volte siamo stati favoriti noi“.

Dopo la sconfitta con la Samp i tifosi giallorossi hanno comunque applaudito i giocatori, e si dicono ora pronti a seguire la squadra con un esodo di massa verso Parma, tappa della prossima gara di campionato: “I tifosi sono stati splendidi – ha detto Toni -, ieri hanno capito la delusione tra noi giocatori e ci hanno applaudito. E’ bello vedere il calore della gente, d’altronde è palese che la Roma ha fatto una grande rimonta“.

La maglia della Nazionale rimane un obiettivo importante per il centravanti giallorosso. Nonostante una stagione tribolata, Toni spera ancora di far parte del gruppo che volerà in Sudafrica: “Siamo in tanti per la maglia azzurra, Lippi magari ha già la sua idea di squadra, io spero di andare, il Ct mi conosce. Negli ultimi mesi ho fatto buone gare e mi sono rimesso. Se dovessi andare sarebbe un sogno, altrimenti farò comunque il tifo per l’Italia“.

Ma l’anno prossimo Toni tornerà al Bayern Monaco? “Adesso devo pensare a finire le mie ultime tre partite alla grande. Ho ancora un contratto con il Bayern, un bel rapporto con la società tedesca, ma se resta Van Gaal è difficile che resti io. Ci troveremo attorno a un tavolo e decideremo il meglio per tutti: si decide insieme – ha concluso -, loro mi hanno aiutato molto per farmi arrivare alla Roma, di questo li ringrazio“.

Pier Francesco Caracciolo

Notizie Correlate

Commenta