Elisa Claps è stata accoltellata e soffocata

Concluso l’incidente probatorio del caso Claps: Elisa è stata accoltellata e soffocata. Questo è quanto emerso dall’esame autoptico. Nessuna indiscrezione sulla posizione in merito di Danilo Restivo.

Si è concluso ieri a Roma l’incidente probatorio sui reperti e le tracce trovate sul corpo di Elisa Claps, la ragazza scomparsa il 12 settembre del 1993 ed il cui corpo è stato ritrovato nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza.

L’esame autoptico eseguito sul corpo della ragazza dall’anatomopatologo Francesco Introna è stato secretato. Poche indiscrezioni, ma un dato assolutamente certo. Il consulente della Procura ha infatti reso nota una verità prevedibile ma scongiurata fino alla fine: Elisa Claps è stata ripetutamente accoltellata al torace con un’arma da taglio e poi soffocata durante un tentativo di violenza sessuale.

Attualmente l‘unico iscritto nel registro degli indagati rimane Danilo Restivo, 38 anni ed allora fidanzatino della ragazza, che avrebbe ammesso di avere quel giorno un appuntamento con Elisa, allora appena 16enne, nella stessa chiesa in cui è stata ritrovata.

Tuttavia, sembra che l’incidente probatorio non abbia portato a nessuna importante evoluzione nel processo. A dichiararlo è lo stesso legale di Danilo Restivo, l’avvocato Marinelli, il quale ha affermato che dall’incidente probatorio “non è emerso nulla di particolare”. Ad ogni modo la posizione di Restivo si complica sempre di pù. Si ricorda infatti che l’uomo, che ora vive in Inghilterra, è stato indagato anche per l’omicidio di Heather Barnett, sua vicina di casa, e per la scomparsa di Erika Ansermin, la ragazza di  origini orientali scomparsa la mattina di Pasqua nel 2003 e mai ritrovata.

La famiglia Claps, scioccata da quella che sarebbe stata la dinamica dell’omicidio della ragazza, ribadisce la sua voglia di giustizia, e si consola, se così si può dire, con la possibilità di poter dare una sepoltura alla povera Elisa.

Non si conosce ancora con certezza la data dei funerali di Elisa Claps.

Viviana Cimino