Film in tv oggi: “L’esorcista”, come nasce un mito (domenica 2 maggio)

Torna in tv il film che ha terrorizzato intere generazioni e fatto la storia del cinema horror! “L’esorcista” (titolo originale “The exorcist”) andrà in onda, nella versione integrale e restaurata, questa sera, alle ore 21:00, sul canale satellitare Jimmy. La celeberrima pellicola, uscita nelle sale nell’ormai lontano 1973, è stata diretta dall’altrettanto celebre William Friedkin. Nel cast Jason Miller, Ellen Burstyne una giovanissima Linda Blair nel ruolo che l’ha consacrata fra gli indimenticabili di Holliwood. Il film è tratto dall’omonimo romanzo di William Peter Blatty e, data la sua enorme influeza sulla cultura occidentale, vanta due sequel e un prequel.

Chris MacNeil è un’attrice che si trova a Georgetown, con sua figlia dodicenne Regan, per le riprese di un film. La ragazzina, spesso lasciata a casa, inizia a mostrare dei segni di squilibrio. Chris decide allora di farle sostenere delle visite mediche che, però, non danno risultati credibili. All’ennesimo peggioramento di Regan, i medici consigliano alla madre di trovare delle soluzioni alternative per controllare i suoi attacchi…

A distanza di più di trent’anni dall’uscita nelle sale, “L’esorcista” continua a terrorizzare il mondo anche generando, inconsapevolmente, imitazioni in tutte le salse. E questo accade nonostante il fatto che il cinema ci abbia abituati, allevati e allenati a orrori sconvolgenti, effetti speciali di ogni genere e trame scioccanti. Eppure “L’esorcista”, secondo pareri affatto rari, batte per qualità pellicole più recenti e di qualsivoglia tipo. La ragione di tanta fedeltà dal parte di generazioni di pubblico sta nel fatto che il regista Friedking (potendo anche contare su una scenografia romanzata di tutto rispetto) sfrutta l’orrore che deriva da vomito, teste ruotate e scalinate scese sulla schiena, unendolo all’osceno di un’autodeflorazione inflitta con un crocifisso passando attraverso la presunta innocenza di una dodicenne. Non mancano altri elementi forti come la crisi di fede di entrambi i sacerdoti coinvolti nella storia e il ritrovamento di un demone assiro.

Il film ha vinto due premi Oscar per la miglior scenografia non originale e il miglior sonoro e ben quattro Golden Globe. Per molti non sarà una prima visione, gli altri dovranno assolutamente guardarlo, non si può non conoscere “L’esorcista”!

Valentina Carapella

Notizie Correlate

Commenta