Aprilia da paura

Importanti novità in arrivo per la gioia di tutti gli appassionati delle due ruote italiane. L’Aprilia lancia nelle concessionarie sia la nuova Dorsoduro Factory che la verisone 2010 della Shiver.
La Dorsoduro Factory si caratterizza per un design aggressivo e deciso e si differenzia dalla versione precednte per alcuni particolari estetici come le piastre nere.
Da segnalare la presenza di freni con pinze Brembo radiali a quattro pistoncini , mono-ammortizzatore completamente regolabile con serbatoio separato e una forcella sofisticata, sono solo alcune delle dotazioni esclusive adottate ora sulla motard di Noale realizzata sfruttando tutta l’esperienza e la tecnologia maturata dall’Aprilia nelle competizioni Supermoto dove ha vintoo 5 titoli mondiali consecutivi dal 2004 al 2008.

Estremamente facile , estremamente potente quando si va a tutto gas, grintosa grazie ai suoi 95 Cv , la Dorsoduro Factory utilizza il motore bicilindrico made in Aprilia di 750 cc a V di 90° , che offre prestazioni brillanti. Gestito elettronicamente, questo è dotato del collaudato e conosciuto sistema Ride by Wire di nuova generazione che consente una scelta tra tre mappature. In questo modo il conducente tramite un tasto sul manubrio può adottare una delle tre opzioni di marcia fornite dalla tripla mappatura: Sport, Touring e Rain.

Identico motore ed identiche scelte tecniche sono state trasferite anche sulla seconda novità Aprilia per il 2010 , la Shiver 2010 , la quale è meno cattiva rispetto alla Dorsoduro.

Sulla naked italiana è da notare la presenza di particolari come il cupolino, ridisegnato per poter offrire al pilota una maggiore protezione, oppure la sella lievemente più stretta che garantisce , secondo l’ azienda di Noale , un miglioramento dell’ergonomia permettendo un maggior controllo della moto in movimento e nelle manovre da fermo.

Da un punto di vista tecnico-meccanico anche sulla Shiver troviamo l’impianto frenante racing con tubi aeronautici e pinze radiali , oltre a una nuova ruota posteriore ridisegnata che aumenta decisamente la manovrabilità e l’agilità della moto.

Davide D’Alessandro