A1, ritrovato ordigno della seconda guerra mondiale

Roma, 28 aprile.  E’ rimasto chiuso in queste ore, a partire dalle 13.40 circa di oggi, il tratto di autostrada A1 Milano-Napoli che collega Piacenza Nord all’allacciamento con la A21. La chiusura in entrambe le direzioni è stata disposta dalle autorità preposte, in accordo con Autostrade per l’Italia, a causa del ritrovamento di un ordigno bellico, del quale è stata disposta la rimozione

Il traffico dovrebbe aver già ripreso il suo regolare corso nelle prime ore del pomeriggio, a due ore circa dalla chiusura del tratto interessato dal curioso ritrovamento dell’ordigno potenzialmente esplosivo (non del tutto insolito, come avvenimento, ma ormai, come è noto, alquanto raro).

E’ stata disposta ed effettuata la necessaria  regolamentazione del traffico in entrata tra Milano sud e Piacenza nord, in direzione di Bologna.

La bomba ritrovata, ad ogni modo, è esplosa prima ancora che gli artificieri cremonesi convocati e prontamente intervenuti sul posto la potessero far brillare. La deflagrazione è avvenuta in modo spontaneo a seguito del ritrovamento casuale da parte di un agricoltore della zona, che era intento durante la mattinata ad eseguire dei lavori in un campo adiacente all’Autostrada.

Non ci sono stati danni a persone o cose, e l’avventurosa sorpresa del contadino si è conclusa, a quanto pare, con soltanto un certo spavento da raccontare. Era stata messa a punto con circa 80 chilogrammi di fosforo, la bomba così a lungo rimasta nascosta nel suolo come molte altre, e risulta essere  di fabbricazione americana. L’esplosione ha avuto luogo nel momento in cui gli artificieri del corpo militare intervenuto avevano imbragato la bomba per poterla trasportare in luogo più sicuro. Fortunatamente sono stati scongiurati i principali rischi, e non sono avvenuti danni o ferimenti, il cui pericolo è stato sfiorato oggi pomeriggio molto da vicino.

Sandra Korshenrich