Barcellona-Inter, Moratti: “Mourinho è stato un fenomeno anche stasera”

L‘Inter è in finale di Champions League, una partita che i tifosi nerazzurri aspettavano da ben 38 anni e che, in seguito all’impresa di Barcellona, finalmente potranno vedere.

In una partita dominata in lungo e in largo dal Barcellona, la squadra di Mourinho si è dimostrata tenace e solida anche in seguito all’espulsione di Thiago Motta. Il gol di Piquè nei minuti finali ha infuocato ulteriormente il clima, ma la difesa interista ha retto fino all’ultimo secondo.

Entusiasta per la finale conquistata è il presidente Massimo Moratti, che al termine della partita, intervistato da Sky Sport, non poteva evitare riferimenti con l’Inter degli anni sessanta con presidente Angelo Moratti: “Diamo tutti i meriti a questa squadra che ha giocato in dieci e non è facile. Una semifinale, in casa del Barcellona, campione del mondo, e giocare in dieci tre quarti della partita vuol dire avere un grande carattere, essere una grandissima squadra, individualmente e collettivamente”.

L’anno scorso il grande slam è toccato a Guardiola, quest’anno invece Mourinho può davvero giocare ad asso piglia tutto e, la cosa, sembra quasi essere un passaggio di consegne: “Speriamo che sia veramente un passaggio di consegne. Per il momento siamo lì, siamo lì per tutte e tre le finali, perché in campionato praticamente tre partite sono una finale, siamo lì per la finale di Coppa Italia, siamo lì per la più bella finale, che è quella di Champions League a Madrid e mi fa molto piacere dirlo perché adesso lo posso dire. Vediamo, facciamo tutto con lo stesso carattere, la stessa forza e concentrazione che abbiamo usato fino adesso, puntando sull’orgoglio di questi ragazzi, l’umiltà nel prepararsi. E nella bravura di Mourinho che è stato un fenomeno anche stasera“.

Antonio Pellegrino