Fabrizio Corona difende il paparazzo che ha investito Claudia Pandolfi

Dopo l’incidente che ha visto vittima Claudia Pandolfi, dopo un litigio con un paparazzo, l’ex re dei paparazzi, Fabrizio Corona difende la sua categoria e nella fattispecie il fotografo Mauro Terranova, puntando il dito contro l’attrice.

La Pandolfi è stata trascinata in terra per alcuni metri dall’auto del fotografo, che per scappare ha dato gas causandole involontariamente la frattura di due costole, e il successivo intervento chirurgico necessario per drenare alcuni versamenti al torace dovuti alla caduta.

Mauro Terranova è stato subito arrestato con l’accusa di lesioni gravissime aggravate dall’aver determinato il pericolo di vita e dall’uso di arma impropria, ovvero uno spray urticante, ma il giorno dopo è stato scarcerato con l’obbligo di dimora.

 Corona, in un’intervista a “Sipario” del Tg4 ha commentato: “Ho seguito quanto accaduto alla Pandolfi. Devo dire che lei un po’ se l’è cercata”, giustificando la sua accusa perché l’attrice aveva già avuto altre volte problemi con lo stesso paparazzo: “Con una mazza da baseball gli aveva distrutto il motorino, mentre lui svolgeva il suo lavoro. Evidentemente anche questa volta Terranova aveva qualche notizia particolare su di lei. E’ stato ribeccato e lei gli ha preso a calci l’auto da lui appena acquistata in leasing, questa è gente che non guadagna tanti soldi, ed ha cercato di rubargli il dischetto digitale della macchina fotografica. Lui è scappato, ma ha avuto la colpa di accelerare provocandole un danno involontariamente”.

Di sicuro il fotografo non aveva intenzione di investire la Pandolfi, ma prima le ha spruzzato sul viso uno spray al peperoncino: “Questo fotografo è un po’ un Forrest Gump: era già stato più volte aggredito, in altre situazioni, quindi, presumo portasse con sé alcune cosiddette armi per difendersi. Non so se legali o meno”.

Corona convinto della sua teoria conclude: “Una donna arrabbiata può fare male quanto un uomo. Perché la Pandolfi dovrebbe avere il diritto di prendergli a calci l’auto e rubare la sua macchina fotografica? Terranova aveva il diritto di difendersi o no? Fatevi queste domande. Ma, soprattutto, se le deve fare lei, questo è importante”.

Stefania Longo