Tutte le pagine non raccontate di Marilyn Monroe: in autunno serie di testi inediti della diva

 

Tutte le pagine ancora sconosciute a raccogliere, descrivere e raccontare una storia inedita della diva più celebre di tutti i tempi: è previsto per l’autunno l’arrivo in Italia di una raccolta di testi completamente inediti di Marilyn Monroe: la raccolta comprende poesie,lettere, appunti ed anche pagine di diario. A pubblicarle sarà la casa editrice Feltrinelli dal momento che Giangiacomo Feltrinelli Editore ha difatti acquisito tutti i diritti di pubblicazione italiani per una raccolta completa dei testi inediti della celebre diva.

Il volume, come ha spiegato l’editore, contiene qualcosa come 250 e più pagine che raccolgono una serie di poesie, lettere, frammenti di diario ed anche appunti della stessa attrice, diversi dei quali scritti di suo pugno e riportati all’interno del libro. La responsabile di questo piano di recupero memorialistico è stata Anna Strasberg, responsabile del Marilyn Monroe Estate, che ha incaricato del lavoro di questa raccolta di testimonianze inedite l’amico di famiglia Stanley Buchthal ed anche Bernard Comment, l’editor delle Editions du Seuil. La pubblicazione del volume è prevista per l’autunno 2010 in vari paesi del mondo di cui oltre all’Italia sono inclusi Francia, Germania, Spagna e Stati Uniti.

Frammenti“, questo il titolo dell’inedito diario, raccoglie diverse poesie e commenti di quella che è la “vera” Marilyn, non quella della brillante e sfavillante Hollywood ma quella più umana, più reale ed insieme più fragile: gli scritti partono dal 1943 quando la Monroe era ancora una ragazzina fino ad arrivare al 1962, anno nel quale il corpo senza vita dell’attrice fu ritrovato nella lussuosa villa di Los Angeles. Il diario mette in luce gli aspetti più complessi e più segreti dell’anima dell’attrice, trasportando i lettori nella sua vita quotidiana e privata e mostrandone aspetti particolari  come la storia con il terzo marito Arthur Miller e le altre relazioni amorose, o anche il lavoro con Samuel Beckett ed i set dei suoi più famosi e celebri film.

Ma “Frammenti” è solo l’ultima delle opere che commemorano e assieme ripercorrono la vita e la carriera dell’attrice: giusto il mese scorso una casa d’aste californiana, specializzata in cimeli delle celebrità, ha messo all’asta la radiografia del torace della diva , il divanetto del suo analista e la sedia utilizzata nel corso dell’ultimo servizio fotografico di Life prima della sua morte; a febbraio poi il fotografo Len Steckler ha mostrato alcune fotografie inedite di Marilyn di cui è stata apprezzata la bellezza semplice e pura, senza maschere e trucchi del cinema.

Rossella Lalli