Ue, aerei: stop alle restrizioni sui liquidi da aprile 2013

Dal 2013 sarà possibile dire addio al sacchetto dei liquidi, con tutte le sue odiate misure e grandezze

L’Unione Europea, attraverso le parole del Commissario europeo ai Trasporti Siim Kallas, ha ratificato oggi che a partire dall’aprile del 2013 saranno cancellate le restrizioni attualmente previste per il trasporto dei liquidi nel bagaglio a mano. Infatti, adesso è vietato portare all’interno delle cabine degli aerei tutti i contenitori di liquidi, quali gel, creme, spray o bevande, che superino i 100 ml di capienza. Inoltre vi è un massimale di un litro totale trasportabile a persona o un limite riferito a tutti quei prodotti che entrano in un sacchetto trasparente delle misure di 18x20cm.

Tale norma era stata inserita nell’agosto del 2006, in seguito alla scoperta, da parte delle autorità britanniche, della pianificazione di un attacco terroristico da realizzare attraverso congegni esplosivi collegati a comuni prodotti liquidi trasportati nel velivolo dagli attentatori all’interno dei loro bagagli.

Tutti gli europarlamentari avevano già chiesto una modifica al regolamento poiché l’assenza di analisi o studi sulla reale efficacia preventiva di tale provvedimento non ammette proroghe.“Si tratta di semplificare il più possibile i controlli di sicurezza peri passeggeri” ha affermato Siim Kallas. E proprio la sua portavoce ribadisce l’importanza del nuovo provvedimento: È una buona notizia per i passeggeri, anche se non è per domani, [poiché] questa misura era una fonte di frustrazione”.

La futura abolizione della misura di sicurezza attualmente in vigore è stata resa possibile grazie alla sicurezza data  delle nuove tecnologie di screening e raggi X, le quali sono capaci di individuare inganni e materiali proibiti che vengono portati in aereo.

Inoltre, all’aprile 2011 la Commissione di Bruxelles promette che i liquidi e le bevande, acquistati dai passeggeri nei duty free di scali di Paesi terzi, potranno essere portati nel bagaglio a mano, mentre attualmente ciò é possibile e legale solo in alcuni paesi, quali Usa, Canada, Singapore e Croazia.

Si tratta di un passo avanti non solo per la sicurezza, ma soprattutto per la tranquillità dei passeggeri che potranno tra 3 anni potranno salire sugli aerei, finalmente, senza preoccupazioni.

Emanuele Ballacci