Uomini e donne, puntata di oggi (29.04.10): Mario scrive una lettera per Ramona

Trono di Ramona: conclusasi l’avventura di Marcelo (ha ricevuto il “no” di Stefania), ‘Uomini e donne’ dedica una puntata esclusivamente alla amatissima ragazza napoletana, che ha portato in esterna Mario, Andrea, Niccolò e Luca.

Andrea ha scosso gli animi di tutti, quando ha parlato di Ramona come una ragazza appena conosciuta, ha spiegato come un eventuale “si” vada inteso unicamente come un’intenzione di portare avanti la conoscenza lontano dalle telecamere e, stanco delle eccessive accuse, si è detto pronto ad intraprendere i comportamenti degli altri comportamenti (Ad oggi sono l’unico che non ha fatto serate!).
Le sue parole hanno sconvolto soprattutto la tronista, che è apparsa molto dispiaciuta, ma lo ha invitato con grossa lucidità a non mollare sul più bello: Ora mi sento molto vicina a te, non fare così: avvicinami, fammi innamorare di te, corteggiami!.

In esterna Ramona ha mangiato un gelato assieme a Mario.
La ragazza non si fida molto del corteggiatore e gli ha confessato di sentirsi più lontana da lui e più vicina ad Andrea (Devi trovare un modo di farmi innamorare di te, perché così stai rovinando tutto…); Mario, dal canto suo, è sembrato più interessato a sfidare Ramona che a difendere il loro rapporto (ha ignorato le sue preoccupazioni e l’ha provocata più volte chiedendole di sceglierlo all’istante).
Quando è arrivato il mazzo di fiori di Niccolò, la tensione è definitivamente scoppiata e i due si sono separati senza nemmeno salutarsi.

In studio Ramona ha spiegato di non sentirsi ancora pronta per una scelta (“In questo momento ci sono Mario ed Andrea”), mentre Mario ha scelto di farle vedere un RVM che mostra i momenti più importanti (belli e brutti) passati assieme e con una lettera (letta da Maria) ha provato a spiegarle il suo stato d’animo: il ragazzo ha raccontato il suo interesse per Ramona ed ha attaccato la tronista per la sua eccessiva diffidenza, invitandola a ricucire con intelligenza e maturità tutte le ferite aperte, nella possibilità di un poi…

GB