Home Spettacolo Cinema Claudia Pandolfi è tornata a casa dopo l’incidente

Claudia Pandolfi è tornata a casa dopo l’incidente

Finalmente Claudia Pandolfi può tornare a casa. L’attrice romana ha infatti lasciato il Policlinico Umberto I di Roma dopo che era stata ricoverata a causa di un incidente avvenuto lo scorso 22 aprile, vittima di un’aggressione da parte di un paparazzo. Per la Pandolfi è stato necessario sottoporsi anche ad un intervento chirurgico per le ferite riportare in questa brutta avventura. Secondo la dinamica ricostruita, il paparazzo, il cui nome è Mauro Terranova, si è prima avvicinato all’abitazione dell’attrice e dopo questa sarebbe stata accecata con dello spray al peperoncino; aggrappatasi all’auto del fotografo è stata poi trascinata per alcuni metri in piazza Vescovio. Dall’ospedale dicono: “Adesso ha bisogno di un po’ di relax”.

“Ha avuto un decorso post traumatico ideale ma ora dovrà osservare un periodo di riposo e dovrà evitare lo stress” ha spiegato il direttore sanitario del Policlinico, Claudio Modini. Il paparazzo, con l’accusa di lesioni gravissime, era stato subito fermato e trattenuto in carcere per un giorno, successivamente è stato scarcerato.

Rimangono però ancora abbastanza discordanti le versioni dei protagonisti di questa brutta vicenda. La Pandolfi ha dichiarato di essersi infuriata con il paparazzo per questi insisteva nel voler scoprire dove abitasse. Terranova, invece, racconta tutta un’altra storia e dice: “Ho fatto degli scatti ‘particolari’ e l’attrice li voleva a tutti i costi“.

Ne è nata una discussione alla quale ha partecipato persino Fabrizio Corona, il quale è sceso in campo ed ha difeso il paparazzo, attaccando addirittura la Pandolfi per “essersela cercata”. “Ha fatto solo il suo mestiere” dichiara infatti Corona di Terranova. Non si è fatta attendere però una presa di posizione anche da parte dei colleghi dell’attrice romana, che hanno manifestato grande solidarietà per Claudia Pandolfi sentendosi anche loro da anni “presi di mira” dai fotografi. Adesso le augurano una “buona guarigione”.


Andrea Camillo