Moto Gp, A Jerez test per tutte le squadre. Yamaha e Honda in forma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:05

Appena finito il week-end motoristico del Gran Premio di Spagna, piloti e scuderie si sono nuovamente ritrovati in pista il lunedì per dare inizio ad una importantissima sessione di test stagionali. Infatti ieri è stato uno dei pochi giorni in cui la FIM ha autorizzato a tutte le scuderie del campionato Moto Gp di procedere ad dei test e quindi di avere via libere per sviluppare nuove soluzioni. Un giorno fondamentale, che nessuno si è lasciato scappare.

Tutti i piloti hanno segnato molti giri, ma con scopi differenti. Alcuni hanno deciso di migliorare la condizione gara (Honda Team Gresini, Yamaha Tech3 e Ducati Pramac) mentre i restanti hanno deciso di provare in pista nuovi telai e motori con lo scopo di trovare un effettivo miglioramento, e il team ufficiale Honda pare aver trovato decisamente la strada giusta. Il primo tempo di Pedrosa e l’ottimo quinto di Dovizioso notano come la casa Giapponese si stia impegnando per trovare la soluzione a quella irrequietezza della moto che molti piloti denunciavano ad iniziano stagione. Una evoluzione motore/telaio che pare in grado di risolvere una situazione fino a pochi giorni fa disperata.

L’altro Team molto competitivo è la Yamaha. Sia Valentino che Lorenzo sono stati costanti durante tutta la sessione di test, finendo rispettivamente in seconda e terza posizione. Elettronica e motori nuovi per arginare il problema della mancanza di velocità e migliorare l’accelerazione. Lo stesso Rossi si sente ottimista: “Oggi abbiamo provato molte cose.  Alcune mappature nuove per l’elettronica e un nuovo motore, che va meglio di quello che stiamo usando ora. Rispetto a domenica sono riuscito a fare molti più giri sul ritmo di 1.39, se lo avessi fatto in gara avrei potuto fare meglio del terzo posto. Comunque stiamo lavorando nella direzione giusta.

Anche la Ducati si è concentrata in miglioramenti al suo motore ad iniezione “desmodromica” con relativa ricerca per un buon assetto. Giornata intensa per tutti visto che i prossimi test saranno non prima della gara di Brno, a metà stagione. Per adesso i motori si spengono, ma già fra due settimane vi sarà Le Mans e lì vedremo se qualcosa effettivamente è cambiato.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!