Renato Zero: esce il dvd ‘Presente Zeronovetour’

Martedì 11 maggio uscirà Presente Zeronovetour, dvd tratto dallo spettacolo che Renato Zero ha portato in giro per l’Italia tra ottobre e dicembre 2009; sarà disponibile anche la versione deluxe, con l’album Presente in allegato. Dal piacere e dal divertimento del tour, l’artista arriva comunque a trattare temi delicati, dove la spiritualità combatte puntualmente con la quotidianità.

Dall’ironica trasgressione sessuale che lo ha reso celebre rendendolo un’icona, Renato Zero è andato via via maturando, approdando verso riflessioni più impegnative in cui è la ricerca del bene la massima aspirazione, il valore più importante che si rispecchia nei testi delle sue canzoni. Questa ricerca prende vita in tutta la sua spiritualità durante i concerti, nei quali ci sono dei veri e propri momenti quasi liturgici dove la scenografia amplifica l’atmosfera dal sapore quasi utopistico nell’innocenza che la determina.

Renato Zero cerca di guardare il mondo con gli occhi puri di un bambino. Proprio con questi occhi nel 2005 riconobbe in Papa Wojtila un nuovo padre, a seguito della perdita del suo vero papà; proprio al pontefice dedicò il brano che è la sintesi del suo credo: La vita è un dono. Nel 2009 un brano contenuto nell’album Presente ed intitolato Il sole che non vedi recita: “La violenza è il nuovo vangelo, ma Cristo non c’è più…”. E’ in questo modo che Zero analizza la storia recente, la Chiesa che vacilla sempre più a causa della debolezza dell’uomo. Pedofilia è la parola che più di tutte fa inorridire il cantautore che però non riversa i suoi sentimenti in un’accusa verso tutta la società, piuttosto in un ammonimento.

Un altro terremoto invece c’è stato ed ha raso al suolo L’Aquila. Renato Zero, insieme ad altri artisti, ha tenuto un concerto allo Stadio Olimpico di Roma il 20 giugno 2009, raccogliendo i fondi per ridare un’università a tutti gli studenti che hanno visto la loro città sprofondare sotto le macerie insieme ai loro sogni. Un’ala dell’ateneo è stata ricostruita ma intanto Zero pensa già a qualche altra iniziativa, forse radiofonica.


Andrea Camillo